Quantcast

Autostrada Asti Cuneo, firmati gli atti aggiuntivi per lo sblocco dei cantieri

Il nuovo Anno – sottolineano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore alle Infrastrutture e ai Trasporti della Regione Piemonte Marco Gabusi – ha portato una buona notizia per il territorio piemontese con la firma degli atti aggiuntivi di Astm con il Ministero dei Trasporti sull’Asti Cuneo per lo sblocco dei cantieri: speriamo sia di buon auspicio non solo per il completamento di quest’opera, ma anche per l’avanzamento di tutti gli altri interventi infrastrutturali che il Piemonte attende da tempo.

Come promesso, dopo l’importante delibera del Cipe dello scorso maggio abbiamo continuato a monitorare e a spronare tutti i soggetti coinvolti affinché si possano aprire i cantieri. I risultati si stanno concretizzando con progressivi passi in avanti per completare una grande opera che il nostro territorio aspetta da decenni. Dopo la firma del decreto interministeriale di inizio novembre per l’avvio dei lavori, questo nuovo tassello conferma che l’iter prosegue senza intoppi amministrativi proprio grazie ai riflettori che abbiamo nuovamente acceso sull’opera”.

Sullo sblocco arrivano anche i commenti da diverse forze politiche.

“Grazie al pressing della Lega, è arrivato il via libera al completamento dei lavori sull’A33 Asti-Cuneo dopo anni di ritardi e attese. Per il Piemonte è un buon modo per cominciare il 2021”. è il commento del leader della Lega Matteo Salvini. Intervengono anche i consiglieri cuneesi della Lega Salvini Piemonte Paolo Demarchi e Matteo Gagliasso che prendono atto con profonda soddisfazione della decisione del governo di autorizzare gli ultimi passaggi burocratici che permetteranno il definitivo completamento dell’autostrada Asti-Cuneo. “Un risultato ottenuto grazie all’impegno dei parlamentari della Lega, a iniziare dal nostro leader Matteo Salvini, in difesa del nostro territorio e per il suo rilancio infrastrutturale”.

“Un’ottima notizia, non solo per la provincia di Cuneo ma per tutto il Piemonte – commenta il consigliere Paolo Demarchi -, una notizia che finalmente possiamo annunciare grazie al lavoro svolto in questi mesi dai nostri parlamentari, in particolare dal senatore Giorgio Bergesio e dall’onorevole Flavio Gastaldi che voglio qui pubblicamente ringraziare. Un risultato tanto importante per i nostri territori è anche e soprattutto merito del loro impegno nel confronto con il governo. Oggi finalmente voltiamo pagina in una vicenda tanto travagliata, nella speranza che il via libera al completamento dell’Asti-Cuneo sia solo un primo atto per un rilancio infrastrutturale complessivo della nostra provincia. Tanto resta da fare: la nomina del commissario per il tunnel del Tenda e la variante di Demonte rimangono le priorità. Sono queste le altre buone notizie di cui il Cuneese ha bisogno”.

“La vicenda dell’Asti-Cuneo è la dimostrazione che quando la Lega si impegna in una battaglia poi la vince – aggiunge il consigliere Matteo Gagliasso -. Questo è un successo figlio della caparbietà dei nostri deputati e senatori, e in particolare dei cuneesi Giorgio Bergesio e Flavio Gastaldi: solo grazie al loro impegno siamo riusciti a piegare le eterne lungaggini di un governo che aveva relegato una infrastruttura tanto importante per il nostro territorio al ruolo di grande incompiuta d’Italia. Per la nostra provincia, la conclusione dei lavori dell’Asti-Cuneo può davvero rappresentare un punto di svolta verso il superamento di quel gap infrastrutturale che rischia di condannarci all’isolamento. Sono comunque convinto che l’azione parlamentare della Lega potrà portare i suoi frutti anche nelle altre battaglie che interessano il Cuneese, a iniziare dal Col di Tenda e dalla necessità di garantire un collegamento diretto con la Francia”.

Soddisfazione è espressa anche da Ivano Martinetti, Consigliere regionale M5S Piemonte, Vicepresidente Commissione regionale Trasporti: “Inizia bene il 2021 per la Provincia Granda, il via libera del Ministro dell’Economia e delle Finanze Gualtieri agli atti aggiuntivi per il completamento della Cuneo – Asti è una splendida notizia per il nostro territorio, per le imprese ed i cittadini. Il dato politico su cui ragionare è semplice: il Movimento 5 Stelle, al Governo, porta a termine quanto lasciato in sospeso per decenni dalla vecchia politica. In tal senso fanno bene i politici di mestiere a dire che non commentano le vicende passate, concentrandosi solo sul presente. Ne avrebbero solo da perdere. Oggi si raccolgono i frutti del lavoro dell’ex Ministro ai trasporti Toninelli e dei piemontesi al Governo, come il Ministro Dadone, che hanno sempre lavorato per questo obiettivo e tenuto alta l’attenzione sul completamento della Cuneo – Asti.”