Quantcast

Servizio civile con le associazioni Anpas: 34 posti in provincia di Asti

Posti suddivisi tra: Croce Verde Asti, Croce Verde Castagnole delle Lanze, Croce Verde Mombercelli, Croce Verde di Montemagno, Croce Verde di Nizza Monferrato

E’ stato pubblicato il bando per la selezione ad operatore volontario del servizio civile universale: un’opportunità formativa di alto valore per ragazze e ragazzi di età compresa fra i 18 e i 29 anni non compiuti. In Piemonte sono 385 i posti disponibili nelle diverse Associazioni Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze), di cui 99 posti nelle province di Alessandria e Asti.

Per orientare i giovani nella scelta dei progetti di servizio civile e negli adempimenti richiesti, Anpas Piemonte ha predisposto una landing page dedicata (clicca QUI) e lanciato la campagna social attraverso gli spot video I NEED, I AM.

“Per promuovere il nuovo bando di servizio civile universale – spiega Vincenzo Sciortino, responsabile della Comunicazione Anpas Piemonte – abbiamo lanciato la campagna social I NEED, I AM ispirata al bisogno naturale dei giovani di essere parte di una squadra, di essere formati, di avvalersi della cura necessaria per la soddisfazione e la realizzazione di se stessi. L’esperienza di volontariato in Servizio Civile con le Pubbliche Assistenze Anpas è una risposta che trasforma in azione verso gli altri ciò di cui il giovane necessita per completare il suo percorso di crescita. Ho bisogno e dunque sono azione, faccio squadra, presto cura e mi preparo per la vita”.

La durata del servizio è di 12 mesi. Ai volontari in servizio civile spetta un assegno mensile di € 439,50 euro per un impegno settimanale indicativamente di 25 ore. Presentazione domande esclusivamente su piattaforma online DOL (QUI) entro le ore 14.00 dell’8 febbraio 2021.

Di seguito l’elenco delle Pubbliche Assistenze Anpas di Asti:

Croce Verde Asti (12 posti); Croce Verde Castagnole delle Lanze (2 posti); Croce Verde Mombercelli (5 posti); Croce Verde di Montemagno (5 posti); Croce Verde di Nizza Monferrato (10 posti).

Anpas Comitato regionale del Piemonte avvierà i propri progetti di servizio civile negli ambiti del soccorso in emergenza 118 e del trasporto infermi per i servizi di tipo socio sanitario e nel settore educazione e promozione culturale dando la possibilità ai giovani di diventare volontari soccorritori.

I giovani in servizio civile, dopo un’adeguata formazione, contribuiranno a dare un importante aiuto alle Pubbliche Assistenze Anpas del Piemonte e alla comunità, soprattutto in questa particolare situazione di emergenza. L’accesso alla piattaforma online DOL per i cittadini italiani residenti in Italia o all’estero deve avvenire esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale.

L’identità SPID è rilasciata dai Gestori di Identità Digitale (Identity Provider), soggetti privati accreditati da AgID che, nel rispetto delle regole emesse dall’Agenzia, forniscono le identità digitali e gestiscono l’autenticazione degli utenti.

I progetti di servizio civile in Anpas che riguardano l’ambito del socio sanitario in Piemonte prevedono lo svolgimento di servizi socio-sanitari sia su pulmini sia su autoambulanze per quei cittadini che devono effettuare terapie come dialisi, trasporti interospedalieri, essere dimessi da ospedali o case di cura, frequentare centri diurni di socializzazione o riabilitazione. In molti casi gli utenti possono essere persone disabili che spesso necessitano di essere accompagnate negli spostamenti in quanto non autosufficienti o perché bisognosi di particolari accorgimenti durante la fase del trasporto.

I progetti di servizio civile in Pubblica Assistenza Anpas nel campo del soccorso di emergenza 118 in Piemonte includono, oltre alla possibilità di effettuare i servizi sociali precedentemente descritti, anche l’impiego in servizi di emergenza urgenza 118.

I volontari in servizio civile saranno quindi impegnati nel ruolo di soccorritore in ambulanza e in tutte le mansioni concernenti le attività di emergenza e primo soccorso. I progetti prevedono l’inserimento e il tutoraggio dei volontari a partire da una puntuale formazione certificata dalla Regione Piemonte e da un successivo periodo di affiancamento a personale più esperto.

I progetti nel settore educazione e promozione culturale hanno il fine di divulgare tra gli studenti delle scuole superiori e tra la cittadinanza la cultura del volontariato assistenziale e del primo soccorso nonché promuovere stili di vita più sani e salutari.