Quantcast

Lettere al direttore

Moncalvo, modifiche alla viabilità: “A neppure 24 ore dal loro debutto, il comune è stato costretto a fare un clamoroso dietrofront”

Riceviamo e pubblichiamo.


Le modifiche alla viabilità studiate dall’amministrazione comunale moncalvese, guidata dal Sindaco Christian Orecchia, dovranno ancora aspettare. A neppure 24 ore dal loro debutto, il comune è stato costretto a fare un clamoroso dietrofront. Il motivo di tale decisione lo si capisce nella nuova ordinanza che è stata pubblicata oggi all’albo pretorio a firma del responsabile dell’Ufficio tecnico. Nell’atto si legge che la modifiche alla viabilità «devono essere annullate, per violazione di legge, nell’attesa della predisposizione di un nuovo provvedimento conforme alla normativa in vigore».

Le principali novità dovevano riguardare la creazione di una ZTL in via XX settembre e via Testa Fochi, la modifica della zona di sosta con disco orario in piazza Carlo Alberto lato ex Banca di Novara e la creazione del senso unico in via Bolla. Già nella stessa giornata in cui sono entrate in vigore le nuove disposizioni, erano apparse le prime incongruenze. In particolare, i cartelli di parcheggio con disco orario contraddicevano il loro intento e non permettevano agli automobilisti di capire in modo certo le disposizioni. Il vicesindaco Andrea Giroldo era dovuto intervenire dicendo che «si trattava di un errore dei fornitori» e che si sarebbe corretta la svista. (Non fosse che i fornitori sono soliti prima di andare in stampa trasmettere il bozzetto all’ordinante per l’approvazione). Evidentemente, però, c’era qualcosa di più grave tanto da far ritirare l’intera l’ordinanza.

Ad accorgersene per primo è stato il Consigliere Mario Zonca, che he ha presentato una richiesta urgente per prendere visione di quanto deciso dalla giunta comunale e dai competenti organi tecnici soprattutto in merito all’istituzione della zona a traffico limitato. Nell’ordinanza si riscontrano grossolani errori sulla disciplina dei divieti e degli obblighi e, inoltre, si faceva riferimento a termini di legge che in realtà erano stati abrogati. Tutto da rifare quindi.

I toni trionfalistici del comunicato stampa da parte del nostro Vicesindaco e assessore alla sicurezza, al quale consigliamo in futuro prudenza, il fatto che si faccia riferimento ad una consulta che di fatto non ha mai avuto l’approvazione del Consiglio Comunale, il fatto che certe scelte vengano attuate perché provenienti da una parte, sicuramente importante, ma minoritaria dei cittadini di Moncalvo e non si senta anche la restante parte, maggioritaria, dei cittadini di Moncalvo, raccomandano in futuro una attenta valutazione prima di pubblicare i provvedimenti.

Viene da chiedersi, come mai, non sia stata presa in considerazione anche la soppressione della zona disco presente in Piazza Romita. Perché Piazza Carlo Alberto SI e Piazza Romita NO? Gli stalli a disco orario in Piazza Carlo Alberto, antistanti all’ex Banca Popolare di Novara, erano stati istituiti su richiesta dei Commercianti della Piazza Garibaldi e della Via XX Settembre, ritenevano i Commercianti che avere degli spazi a rotazione, servisse a non far allontanare troppo i clienti dal perimetro della Piazza stessa compresi quelli che salivano dalla Fracia, in maniera tale da abbreviare il percorso soprattutto dovendo trasportare le borse della spesa. Ora con le nuove indicazioni, quelli stalli potranno essere occupati per tutte le ore della giornata senza rotazione e quindi i clienti, non più favoriti, potranno scegliere altri esercizi commerciali più accessibili ai parcheggi.
Per maggior comprensione, invio copia dell’Ordinanza di revoca (per visionarla clicca qui —->>>> ordinanza 41 012122020 comune moncalvo.

Cordiali saluti
Mario Zonca
Consigliere Comunale Moncalvo.