Quantcast

Le Rubriche di ATNews - ATnewsKids

ATnewsKids. I bambini e la Giornata Internazionale delle persone con Disabilità

Non tutti camminiamo, parliamo o sentiamo allo stesso modo. A volte abbiamo bisogno di aiuti per camminare meglio perché le gambe sono deboli. A volte abbiamo bisogno di un cane che ci indichi la strada perché i nostri occhi vedono poco. A volte per comunicare usiamo dei segni e dei movimenti delle mani perché le nostre orecchie non riescono a percepire suoni e rumori.

Oggi, 3 dicembre, si celebra la Giornata Internazionale delle persone con Disabilità che ci ricorda proprio che siamo tutti diversi, che alcuni di noi hanno bisogni speciali, ma che tutti abbiamo gli stessi diritti. Per esempio tutti abbiamo il diritto di poter entrare a visitare una mostra senza che degli scalini ci impediscano l’ingresso perché siamo su una carrozzina.

Una parola che sentirete spesso in questi giorni è inclusione: tutti devono avere le stesse possibilità, senza escludere o allontanare. Per essere più chiari presentiamo due immagini.

La prima sarà riconoscibile da molti. Lui è Hiccup, il protagonista della saga animata “Dragon Trainer”. E’ un ragazzino smilzo e timido che si muove con una protesi (un congegno artificiale che sostituisce una parte del corpo mancante, nel suo caso la gamba). Nonostante questo ha molti amici e riesce a vivere mirabolanti avventure. Non solo: diventerà il capo del suo villaggio!

hiccup

 

La seconda immagine è una foto scattata due anni fa al Palazzetto dello Sport di Asti. Si possono vedere tante persone che danzano insieme in cerchio, ognuna come è capace, secondo le proprie possibilità. L’importante è stare insieme con gioia. Questo ballo si chiama biodanza e significa proprio danza della vita. La vita è fatta di tanti elementi diversi l’importante è che tutti si incastrino con armonia.

disabilità