Aumentano i casi a Buttigliera d’Asti, il Sindaco: “Considerate il Covid senza eccessiva ansia ma non negatelo irresponsabilmente”

Negli ultimi giorni i numeri dei positivi a Buttigliera d’Asti, così come in molti altri Comuni dell’Astigiano, sono aumentati: sono 11 i casi dall’ultimo aggiornamento della mappa della Regione Piemonte.

“Numerose persone mi chiedono i nomi e come si sono contagiati, ma spero comprendiate che questi sono dati tutelati dalla privacy e non sono comunicabili” – dichiara il Sindaco Guido Fausone invitando i cittadini “a considerare il Covid-19 senza eccessiva ansia ma anche senza negare irresponsabilmente il fenomeno. Consideriamo che il rischio zero non esiste ma cerchiamo di ridurre le probabilità di contagio, ad esempio con le mascherine, che riducono il numero di particelle trasmesse in ambiente, cerchiamo di avere un maggior riguardo per i soggetti più deboli: gli anziani , gli immunodepressi, persone con patologie croniche debilitanti…

Non intendo assolutamente assumere toni allarmistici – continua il primo cittadino – non voglio fare una comunicazione in stile “numeri della pandemia” perché penso che la politica abbia una grossa responsabilità su questo tema. Questo stile di informazione aumenta l’ansia generale e non aiuta a uscire da questa situazione. Ricordo però che le persone positive devono seguire le indicazioni dell’ASL e rispettare l’isolamento nei tempi e modi prescritti.”

Seguono importanti informazioni “tecniche” per la gestione della vita quotidiana per i contagiati: i rifiuti delle persone positive vanno smaltiti tutti quanti in un sacchetto a parte, nell’indifferenziata.
Se chi è in quarantena fosse in difficoltà a fare la spesa o a comprare medicine, può segnalare questa esigenza in Comune che si attiverà immediatamente per fornire un aiuto.