Asti, Fratelli d’Italia: “Opposizioni…. grazie di esistere anche se confuse e incoerenti”

Riceviamo e pubblichiamo il Comunicato stampa di Fratelli d’Italia sul consiglio comunale di ieri.


Ci risiamo signor Direttore. La minoranza in Consiglio ha, per l’ennesima volta, messo in atto vecchie e becere forme di inutile ostruzionismo, che hanno avuto come unico risultato, quello di non procedere con l’approvazione di nessuna delle pratiche iscritte all’Ordine del Giorno.
Si è cominciato con una insignificante serie di pregiudiziali, cavilli ed altro, tutte utili e atte a rallentare i lavori, per poi arrivare a fine serata e non concludere un bel nulla di fatto (addossando poi comodamente e falsamente a questa maggioranza, compatta come non mai, ogni sorta di responsabilità).

E’ da molto tempo oramai che questa litigiosa opposizione, si agisce solo attaccando personalmente il sindaco Rasero e mettendo in atto varie forme di ostruzionismo e nessuna concreta proposta per la città. Presentano costantemente, una miriade di sospensive e richiami al regolamento (un numero mai visto nella storia di questo Comune) ben sapendo che, proprio a norma di regolamento, verranno bocciate, in quanto fuori di ogni logica ed addirittura talvolta persino inammissibili, con la conseguenza che, inevitabilmente, i tempi tecnici si allungano, gli animi si surriscaldano e le pratiche non vengono approvate.

Non stiamo qui a riportare gli articoli, i commi, le interpretazioni e ed i cavilli procedurali, in quanto riteniamo che ai cittadini interessino ben poco. Lasciamo che questa sgangherata opposizione ripeta monotonamente, ad ogni riunione, sempre e solo le stesse cose, comunicando poi ai giornali locali, fatti al limite della veridicità e riportando, ma solo parzialmente ed al loro uso e consumo, sui social lo svolgimento della realtà dei fatti.

Infine, noi di Fratelli d’Italia, sottolineiamo, con grande amarezza, la pessima gestione della serata, da parte del Vice Presidente Vicario Angela Quaglia, sempre pronta a chiedere (quando agisce come Consigliera), il rispetto del regolamento, per poi agire in modo “furbetto” quando si è a parti inverse. Tutti piccoli escamotage, messi in atto dalle opposizioni, con l’aggiunta di una conduzione dei lavori a dir poco preoccupante, che da un lato, sicuramente, innervosiscono qualcuno della maggioranza, ma che dall’altro fanno perdere tempo e soprattutto denaro pubblico. Volete scommettere che, nella prossima seduta, arriveranno nuovamente con pregiudiziali, sospensive e richiami al regolamento? Che dire? Ai posteri l’ardua sentenza.

Opposizioni…. grazie di esistere anche se confuse e incoerenti. Segnaliamo infatti che sino ad ora solo due consigli comunali sono stati gestiti dalla minoranza e stranamente ci sono stati dei problemi. Fortuna vuole che non gestiscano una città!