All’EnAIP un progetto europeo di e-learning per ragazzi migranti e rifugiati

HFE 2.0: Intelligenza Artificiale e Gaming per imparare lingua a cultura

Più informazioni su

Utilizzare l’intelligenza artificiale per sviluppare sistemi innovativi di apprendimento. Questo l’obiettivo del progetto HFE 2.0 (Hunt for Europe), partito in questi giorni, finanziato dal programma Europeo “Erasmus Plus” e gestito da un partnership di 6 stati: Italia, Austria, Danimarca, Irlanda, Germania e Grecia.

Il progetto, in cui è coinvolto Enaip Piemonte, è rivolto a ragazzi tra i 13 e i 19 anni, tra cui migranti e rifugiati, iscritti in contesti d’aula ufficiali ma con difficoltà di apprendimento, a causa di carenze linguistiche e accademiche. La priorità è quella di coinvolgere i ragazzi in un’ottica di didattica inclusiva e collaborativa in 150 lezioni.

Alla prima edizione del progetto HFE, che ha dato origine ad una piattaforma di e-learning, si aggiungono le potenzialità dell’IA e le capacità Multi-Player, per aumentare considerevolmente l’esperienza di apprendimento. Un meccanismo di Intelligenza Artificiale, infatti, guida lo studente, aumenta la motivazione e l’apprendimento della lingua e della cultura in un ambiente di gioco 3D, utilizzando l’opzione di collaborazione tra individui, scuole e culture, e infine aumenta le possibilità degli insegnanti di fornire feedback e strumenti di apprendimento straordinariamente efficienti.

Saranno sviluppati materiali di e-learning per accogliere i compiti multiplayer e verrà sviluppato un database molto ampio, di oltre 300 esercizi e quiz. A seconda dei risultati dell’allievo, l’Intelligenza Artificiale andrà automaticamente a regolare il livello di difficoltà per l’allievo e a guidarlo ai materiali pertinenti. In questo modo verranno mantenute alte ambizione e motivazione dello studente, mantenendo costantemente impegnativo il livello di difficoltà.

Si vuole sviluppare uno strumento di apprendimento che possa essere utilizzato, infatti, sia come strumento dell’insegnante durante la lezione, sia come strumento fuori dalla classe, dove i giovani studiano individualmente, con compiti assegnati dall’insegnante.

Il progetto, della durata di due anni, è iniziato a ottobre del 2020 e terminerà a settembre 2022.

Più informazioni su