Scelti i vincitori del concorso letterario “Parole in bottiglia”

Il concorso letterario “Parole in bottiglia” è giunto alle battute finali. L’iniziativa, realizzata dal festival Passepartout in collaborazione con Bosca Spumanti di Canelli, è stata condotta dall’attrice Chiara Buratti che, in sei trasmissioni sulle pagine Facebook della Biblioteca Astense Giorgio Faletti e di Passepartout Festival, ha letto le 30 opere selezionate.

Tra queste sono state scelte le sei vincitrici: per la sezione poesia prima classificata “Mentre ritaglio lettere da un giornale” di Veruska Vertuani, seconda classificata “La bocca che lo attende” di Luciano D’Abbruzzo, terza classificata “La scelta” di Giuseppe Li Santi; per la sezione racconti primo classificato “Stagioni proibite” di Simon Larocca, secondo classificato “Pinin” di Andrea Romagnolo, terzo classificato “Peccato mortale” di Nicola Maiello.

Dal 5 al 10 ottobre, prima degli incontri serali di Passepartout, verrà letto sul palco da Chiara Buratti uno dei testi vincitori e consegnato il premio all’autore, che consisterà in una speciale “bottiglia letteraria” realizzata da Bosca Spumanti: ogni poesia e racconto sarà riprodotto su una bottiglia realizzata ad hoc che costituirà una copia unica e da collezione.