Le Rubriche di ATNews - Il Tri-angolo di Mengozzi

Il Tri-angolo di Mengozzi: Ennio Morricone sconosciuto

Più informazioni su

Ottavo appuntamento del 2020 con la rubrica mensile che arricchisce le proposte per i lettori di Atnews.it.

ENNIO MORRICONE SCONOSCIUTO

Esattamente due mesi fa all’età di novantuno anni moriva Ennio Morricone, compositore premio Oscar divenuto popolare grazie alle musiche composte per il piccolo schermo.
Per avere un quadro più completo, la sua figura va tuttavia approfondita estendendo il campo alle molteplici influenze che le avanguardie musicali italiane ed europee hanno esercitato su Morricone.
Non sono molti infatti, anche tra i musicisti, a conoscere l’altra produzione musicale di Morricone ovvero le opere sperimentali, lavori in grado di restituirci a tutto tondo l’ecclettica personalità di questo artista.
Allievo di Goffredo Petrassi, verso la metà degli anni Sessanta Morricone entrò a far parte del “Gruppo di improvvisazione Nuova Consonanza”, un collettivo di compositori alla ricerca di nuove pratiche musicali, attenti al concetto di àlea e alla musica elettronica. Caratteristica del gruppo era che le improvvisazioni venivano condotte dagli stessi compositori. Nacquero così numerosi brani, che furono anche incisi e generarono un interessante dibattito negli ambienti musicali. L’adesione di Morricone al “Gruppo di improvvisazione di Nuova Consonanza” fu certamente un tratto del suo percorso artistico che non può essere ignorato, ma anzi questa produzione andrebbe rispolverata e riascoltata con attenzione, se vogliamo trattare in modo esaustivo della sua figura ed onorarne la memoria.

Fabio Mengozzi

“Il Tri-angolo di Mengozzi” prende spunto da un intervento sul nostro quotidiano del musicista astigiano di fama internazionale Fabio Mengozzi, compositore, pianista, direttore d’orchestra e docente di musica, in seguito ai fatti di Corinaldo (clicca QUI).

L’obiettivo della rubrica è quello, sempre nel massimo rispetto delle scelte musicali di tutti, di fornire con nozioni semplici un punto di vista alternativo da quello che offrono ogni giorno i media, di educare ed indirizzare i giovani alla musica profonda, spirituale, in modo da ampliare le possibilità di scelta nell’ascolto della musica.

 

Più informazioni su