Quantcast

Dalla Baviera all’Astigiano viaggiando su dei motorini: così tre giovani studenti tedeschi sono arrivati a Tonco

Più informazioni su

Sono partiti dalla Baviera con dei motorini, una tenda e una fisarmonica, e sono arrivati nell’Astigiano, più precisamente a Tonco.

Si chiamano Jonathan Britz, Martin John e Julien Eckstein, hanno 19 e  18 anni e si definiscono “tre pazzi che un giorno pensarono: Perchè no?”.

Il loro viaggio, iniziato a Leutenbuch domenica 6 settembre, ha avuto come meta finale  Tonco perché i genitori di Julian hanno una casa proprio nel paese monferrino.

Tra avventure, divertimento e piccoli intoppi facilmente risolti sono arrivati a destinazione. Hanno percorso 665 chilometri, attraversato le Alpi, dormito sotto un meraviglioso cielo stellato, arrivati sulle sponde sul Lago Maggiore e raggiunto Tonco, tutto in sella ai loro cinquantini.

“Abbiamo avuto l’idea di questo viaggio il giorno del compleanno di Martin – spiega Julien – Non volevamo un viaggio semplice, ma un’avventura: non sapere dove avremmo dormito il giorno dopo, quanti chilometri saremmo riusciti a fare ogni giorno. Volevamo viaggiare liberi da vincoli in un periodo in cui non avevamo impegni scolastici”.

Jonathan e Julien hanno infatti deciso di prendersi un anno sabbatico dopo la fine della scuola, mentre per Martin questo viaggio, ha segnato la conclusione del suo anno sabbatico, prima di ricominciare gli studi a ottobre e ha significato una pausa dalla vita di tutti i giorni, libertà e indipendenza.

“È una bella sensazione essere arrivati a destinazione. Siamo orgogliosi di noi stessi – hanno scritto sul loro blog di viaggio i ragazzi –Abbiamo visto paesaggi incredibilmente belli, incontrato nuove persone fantastiche. Certamente non sarebbe stato possibile da soli. La nostra buona amicizia, la solidarietà è stata la soluzione a tutto. Soprattutto, siamo arrivati ​​sani e salvi. Non ci sono stati problemi durante l’intero viaggio, alcuni piccoli ma risolti molto rapidamente”.

Domenica i ragazzi saranno ricevuti dagli amministratori comunali che, come tutti i tonchesi, sono rimasti incuriositi da questa insolita avventura.

dalla baviera a tonco

Più informazioni su