Quantcast

Borse di studio Fondazione Cassa di Risparmio di Asti: sono 125 gli studenti premiati

Sono 125 gli studenti diplomatisi quest’anno con la massima votazione 100/100 che verranno premiati, venerdì 2 ottobre in piazza Roma ad Asti, nell’evento pubblico promosso e organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti. L’appuntamento è per le ore 17.

“La Fondazione Cassa di Risparmio di Asti – dice il presidente Mario Sacco – al fine di perseguire le proprie finalità nel settore dell’educazione, istruzione e formazione, previste dallo Statuto, ed allo scopo di incentivare l’impegno nello studio, assegna dal 1994 borse di studio di €.500,00 ciascuna a favore di tutti gli studenti diplomatisi con 100/100 all’ultimo esame di maturità”. I premiati hanno frequentato uno degli Istituti di secondo grado di Asti e provincia oppure sono residenti in provincia di Asti e hanno frequentato scuole secondarie di secondo grado fuori provincia.

“Questo è stato un anno scolastico travagliato a causa dell’emergenza Covid-19,” – prosegue il presidente – “ma nonostante le difficoltà che la scuola e tutti noi abbiamo dovuto affrontare, sono particolarmente lieto per l’alto numero dei premiati, un vero record: mai ne avevamo avuti così tanti. Pensate che ad oggi – conclude – il numero dei premiati dall’anno di istituzione del premio è di 1814 studenti”.
Anche per questa edizione la famiglia Marchetti mette a disposizione una borsa di studio di mille euro a favore dello studente del Liceo Classico Vittorio Alfieri di Asti che si è distinto nel triennio con la media scolastica più alta. La premiata è la studentessa Emilia Bezzo di Tonco d’Asti.
La borsa è intitolata alla memoria del notaio Bruno Marchetti, personalità nota e stimata dagli astigiani, essendo stato il primo presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, nonché il promotore dell’insediamento universitario in Asti con la costituzione dell’Associazione Universitaria Astense, oggi divenuto Polo Universitario Rita Levi-Montalcini e in futuro Campus Universitario.

Nella foto il gruppo dei premiati lo scorso anno