Quantcast

Con il Gran Piemonte chiuso il trittico di grande ciclismo sulle strade astigiane fotogallery

Terzo appuntamento con il grande ciclismo per le strade astigiane, tutto in una settimana: dopo il passaggio della Milano-Torino di mercoledì scorso e, primizia assoluta, quello della Milano Sanremo di sabato, oggi il territorio astigiano è stato protagonista della 104a edizione del Gran Piemonte, che un tempo si chiamava Giro del Piemonte; gare organizzate tutte da RCS Sport S.p.A.

Una settimana intensa in attesa del grande appuntamento di ottobre, il 23, quando Asti ospiterà l’arrivo della diciannovesima tappa.

Dopo la partenza avvenuta da Santo Stefano Belbo i ciclisti sono entrati in provincia di Asti a Canelli, percorrendo la strada provinciale 592 che, passando anche per un breve tratto a Calamandrana, li ha portati al bivio per Rocchetta Palafea dove hanno affrontato la prima salita della giornata, per poi scendere verso Nizza Monferrato passando da Castel Boglione. Dalla città del campanon il gruppo ha proseguito in direzione Castelnuovo Calcea, sono passati da Agliano Terme e sono saliti verso Costigliole d’Asti, svoltando verso Boglietto. Giunti a Castagnole Lanze i ciclisti hanno deviato in direzione Coazzolo per poi lasciare la nostra provincia ed entrare in quella di Cuneo salendo a Mango, dove stanno affrontando la seconda asperità della giornata per poi dirigersi verso il circuito finale nella Langa del Barolo.

Aggiornamento ore 18.45

È stato il corridore neozelandese George Bennett (Team Jumbo – Visma) a vincere la 104esima edizione del GranPiemonte presented by EOLO, da Santo Stefano Belbo a Barolo, di 187 chilometri. Sul traguardo ha preceduto Diego Ulissi (UAE Team Emirates) e Mathieu van der Poel (Alpecin – Fenix).

Il vincitore George Bennett, dopo la linea del traguardo, ha dichiarato: “Questa è una vittoria veramente importante per me. Ho solo due corse quest’anno in cui poter giocare le mie carte, oggi e Il Lombardia di sabato. È fantastico vincere qui. Avevo paura che il percorso non fosse abbastanza duro ma i miei compagni hanno fatto un lavoro eccezionale e io ho attaccato al momento giusto, quando stava iniziando a piovere. Sono super felice.”