Alla Bottega Altromercato la settimana di Amazonforest con il Guaranà dei nativi brasiliani

Da sabato 11 fino a sabato 18 luglio alla Bottega Rava e Fava di via Cavour 83 in Asti ritorna AMAZONFOREST, produttori, produzioni e prodotti contro la deforestazione dell’Amazzonia.

Dopo la proposta delle noci dei castagneros peruviani e le erbe officinali dei campesinos boliviani ora sarà la volta del guaranà brasiliano, storica filiera amazzonica, presidio internazionale di Slow Food. Attraverso la rete delle Botteghe Altromercato il guaranà viene distribuito in diverse forme: come integratore alimentare in pastiglie, come bevanda frizzante – il guaranito- e come sciroppo da diluire in acqua.
Il guaranà è coltivato da un popolo della foresta, i Saterè-Mawè, 7000 persone in 66 villaggi, custodi del loro territorio con il coinvolgimento diretto di 500 produttori.

Il Consiglio della Tribù – CGTSM – è l’organizzazione di base che rappresenta il popolo amazzonico dei Sateré-Mawé. La tribù ha inizialmente costituito questa associazione per rivendicare i propri diritti; in seguito, il Consiglio è diventato anche il tramite per la gestione della terra tradizionale. Oggi CGTSM cura gli interessi della tribù e ne salvaguarda al contempo l’identità e la stessa sopravvivenza. Il Consiglio si occupa delle molteplici questioni che riguardano la tribù e il suo territorio, in particolare per quanto concerne la protezione della foresta ancestrale che costituisce la casa, la madre e la ricchezza della tribù. Una delle attività legate alla valorizzazione delle risorse forestali è la lavorazione e la vendita del guaranà nativo, la pianta sacra della tribù che è anche un prodotto alimentare di grande pregio venduto attraverso il commercio equo. Per facilitare le pratiche commerciali e l’assistenza ai produttori il CGTSM ha creato un Consorzio di Produttori Sateré Mawé, CPSM.

Ctm altromercato importa da CPSM il guaranà nativo. Gli indigeni sono i custodi di questa pianta, che secondo il mito è un dono dello spirito del bene Tupan. Il metodo di coltivazione consiste nella raccolta dei semi dalle piante spontanee della foresta, che vengono trapiantati e coltivati. Questo sistema è valso al guaranà dei Sateré Mawé il riconoscimento come presidio Slow Food, perché rifiutando la manipolazione artificiale delle specie permette di conservare tutta la ricchezza naturale della pianta.

Una settimana per conoscere i frutti di questa millenaria tribù e per sostenere un importante progetto contro la deforestazione in un periodo particolarmente difficile : anche il 2020 si preannuncia disastroso con un aumento nei primi mesi di quest’anno degli incendi che associata alla grave pandemia Covid19 sta mettendo in grave pericolo i popoli della Foresta.

AMAZON FOREST – GUARANA’ 11-18-07-2020