“La Scuola si “ri-sveglia” insieme ai bimbisvegli di Serravalle d’ Asti”

Riceviamo e pubblichiamo


La Scuola si “ri-sveglia” insieme ai bimbisvegli di Serravalle d’ Asti

Quale scuola?
Così come un’edificio può essere abitabile solo se la struttura è solida e la copertura integra, così anche la scuola che vogliamo, in cui crediamo e che pratichiamo, deve riprendere con basi psico pedagogiche solide e relazioni funzionali.

Così dal 6 al 31 luglio porteremo avanti campus estivo di recupero relazionale, didattico ed esperienziale, rivolto principalmente ai nostri alunni ma anche ai loro fratelli e sorelle, ai futuri iscritti alla classe prima, e agli abitanti della frazione di Serravalle d’Asti, durante il quale, nel pieno rispetto delle norme, che via via verranno emanate, faremo ripartire il nostro percorso di apprendimento attraverso la relazione, la sperimentazione, l’empatia, il gioco.
Il campus sarà inquadrato da un punto di vista burocratico come “centro estivo” organizzato dall’ass. Bimbisvegli e grazie alla concessione dei locali da parte del Consiglio di Circolo, alla preziosa collaborazione del Comune di Asti, al Servizio Civile Universale e ad una fitta rete di cooperazione con associazioni e realtà del territorio (prime fra tutte la Pro Loco di Serravalle d’Asti e gli amici del centro di accoglienza migranti Agathon), e si pone l’obiettivo dichiarato di produrre un modello didattico praticabile e integrabile in contesto scolastico istituzionale, adeguato alle Linee Guida Ministeriali per la riapertura della scuola.

Attraverso laboratori sperimentali, attività tematiche e ludiche, uso diffuso e funzionale del territorio e delle sue offerte culturali e logistiche, le bambine ed i bambini vivranno un vero e proprio GREEN CAMPUS di recupero relazionale, cognitivo ed esperienziale.

Piccoli gruppi, tanto outdoor, attività e sperimentali, teatrali e manuali finalizzate anche al rinforzo di apprendimento disciplinari e al al pratica di competenze che, necessariamente, in questi mesi di distanziamento si sono un po’ tralasciate (ebbene si, conteremo, scriveremo, e impareremo anche nozioni nuove, sempre con occhi aperti sul mondo e con la necessità di imparare per renderlo più bello e giusto).

Lezioni con il teatro, facendo cinema, all’aria aperta, incontrando persone, camminando insieme, scoprendo la vita in una pozza d’acqua, facendo esperienza e cooperando, raccogliendo dati , formulando ipotesi e verificandone gli esiti… lo abbiamo sempre fatto e si può fare!
È il modo migliore per insegnare ed imparare.

Il progetto è stato sviluppato grazie al prezioso apporto scientifico del comitato di riferimento dell’associazione Bimbisvegli (Anna Oliverio Ferraris- psicologa scrittrice, Paola Nicolini – Università di Macerata, Gianni Marconato – psicologo formatore, Paolo Mottana – università Bicocca, Giuseppe Campagnoli architetto, Antonino Attanasio – avvocato, Giuseppe Paschetto onsulente ministeriale e insegnante) e le attività saranno monitorate da ricercatori universitari.

Tutti i risultati delle ricerche e della sperimentazione e le attrezzature logistiche saranno messe a disposizione della scuola proponendo questo modello di ripresa “made in Asti” delle lezioni, sia a livello ministeriale che locale.

Giampiero Monaca