La Big Bench “La Bonardina” ad Aramengo fa il pieno di turisti

Sarebbe dovuta essere inaugurata ufficialmente lo scorso 14 marzo in frazione Marmorito di Santa Maria, ad Aramengo, la Big Bench “La Bonardina”, nata dall’iniziativa de “I 3 Sociu”, Giuseppe Chiesa ed Elena e Valeria Vallarolo.

Poi la pandemia ha fatto saltare tutti i programmi, ma la panchina rossa gigante, che si vede da lontano, immersa tra i vigneti di Bonarda di Giuseppe Chiesa, è rimasta lì, ad attendere tempi migliori. E così è stato. Dopo l’allentamento delle misure restrittive, ecco che tantissime persone hanno scoperto la sua bellezza, per lo stupore e la soddisfazione di chi ha investito in questo progetto. “Un piccolissimo paese come il nostro è diventato turistico….. Fa impressione! – commenta Elena Vallarolo – Soprattutto piace tantissimo perché la stiamo curando in una maniera quasi maniacale. È circondata da un sacco di fiorellini messi da noi e poi ovviamente il paesaggio tutto intorno ora è stupendo rigoglioso”.

Giuseppe, Elena e Valeria sono tre privati che hanno scelto di investire per dare qualcosa al territorio, un bell’esempio di amore per le proprie terre. Giuseppe è produttore vinicolo, mentre Elena e Valeria si occupano della trattoria di famiglia e di un bed & breakfast, tutti e tre ad Aramengo, tutti e tre con grande passione per quello che fanno.
“È proprio amore del nostro territorio che abbiamo deciso di investire nella Big Bench – prosegue Elena – Siamo stufi di sentir solo parlare di Langhe. Vogliamo turismo anche nell’astigiano e soprattutto turismo rispettoso dell’ambiente.”

Nella foto: da sinistra Valeria Vallarolo, Giuseppe Chiesa ed Elena Vallarolo.