Quantcast

Festa del Freisa “social”: a Roatto la pro loco riparte dalla promozione del territorio e dei suoi produttori

“La voglia di ripartire ce l’abbiamo eccome!”. E’ molto decisa e sicura del suo gruppo di volontari Stefania Maggio, presidente della pro loco di Roatto.

Come molte altre pro loco del territorio, anche quella di Roatto ha dovuto annullare nei mesi scorsi diverse iniziative a causa dell’emergenza sanitaria. Ora la voglia di ricominciare è grande, ma anche i dubbi su come fare.

Nel periodo estivo solitamente a Roatto vengono proposti due eventi principali: “Freisa in festa” e i festeggiamenti patronali a inizio agosto.

“Per agosto non abbiamo ancora deciso. Valuteremo a luglio cosa proporre a seconda delle normative che ci saranno in quel momento e che cambiano spesso e della situazione generale del contagio – dichiarano i volontari – Ma per la festa del Freisa abbiamo pensato ad un’iniziativa da promuovere sui nostri canali social per dare visibilità ai nostri produttori”.

“Freisa in Festa” nelle scorse edizioni era una vera e propria vetrina per circa 50 etichette locali. Veniva installato un lungo banco di assaggio in cui si potevano conoscere i produttori e degustare ottimi vini presentati dagli enologi dell’ONAV.

pro loco roatto

“Era un’occasione per promuovere il territorio e vogliamo continuare a farlo con una forma diversa ma che possa comunque aiutare chi in questo periodo può avere avuto delle difficoltà economiche. E’ anche un modo per dire ci siamo”. 

L’appuntamento che si sarebbe dovuto svolgere il prossimo fine settimana, sarà proposto in chiave social. Da oggi pomeriggio, giovedì 18 maggio, per alcuni giorni, saranno postate sulle pagine Facebook e Instagram della pro loco foto delle scorse edizioni, ma anche e soprattutto dei produttori. Un modo per “degustare” virtualmente ma con l’invito ad andare di persona a visitare le Cantine.

pro loco roatto

I volontari della pro loco avevano già dato nelle scorse settimane un primo segnale di ripartenza post Covid, quando, nel ponte del 2 giugno, hanno ritinteggiato la sede. “Abbiamo approfittato del tempo che avevamo a disposizione per risistemare la facciata. Quale momento migliore per dare una svolta e farsi portavoce di una comunità che ha voglia di ricominiciare?”

pro loco roatto