Lettere al direttore

“A Settembre avremo problemi a far rientrare a scuola gli studenti ma non a sgomitare per rustica e baciuà”

Il Consigliere di Ambiente Asti Mario Malandrone riflette attraverso un dialogo surreale sulle discrasie tra Settembre Astigiano e scuole

La volontà della Regione Piemonte di salvare gli eventi del Settembre Astigiano, pur con cambiamenti dettati dalle regole anticontagio, fa discutere. In particolare, c’è chi si chiede cosa sarà del futuro della scuola, di cui non si sente invece parlare ad alcun livello.

Sul tema interviene Mario Malandrone, consigliere comunale di minoranza di Ambiente Asti, con un surreale dialogo tra studenti e professori che evidenzia le discrasie di questa situazione, e che pubblichiamo integralmente di seguito.


Scuole? Cirio ha problemi più importanti: il baciua, la rustica, l’acciuga e il fritto misto.

Avremo problemi a far rientrare i ragazzi a scuola a settembre, ma potremo contestualmente allegramente sgomitare per la rustica ai formaggi o per il baciua.

Ci sono due cose che nelle memorie di tutti noi ricordano settembre: la scuola e il settembre astigiano, il secondo è salvo, la prima non lo sappiamo ancora.

E io ipotizzo dialoghi surreali a inizio scuola tra professori e studenti:

“Lo so che all’aula 3 vuoi fare trigonometria, ma dovrai vederla da casa…però sabato allo stand n.3 puoi senza sgomitare fare una coda sinusoidale per il vitello tonnato.”

“Eh no Maria inglese nell’aula 12, non se ne parla, sono già in 11….se però alle 6 del pomeriggio ti organizzi bene allo stand 12 di CUNICO, puoi fare solo una coda di 120 persone (tutte distanziate) per gli gnocchi alla cunichese.”

“Anna, storia nell’aula 7 di venerdì?Lo sai che non è il tuo turno!”. “Come? Non esci di casa e a casa non impari come a scuola?” “Tranquilla di casa puoi uscire per le sagre e rimedi alla solitudine domani allo stand n. 7 con il Cotechino con purea di ceci”
“Vabbeh, pure tu …sei vegetariana? Beh togli il cotechino, ci sono i ceci!”

Cesare “Italiano nell’aula 8?” “Cesare non hai la mascherina, quante volte te lo devo dire!” “Non mi dire la stessa cosa di sempre! Che alle Sagre all’aperto non l’hai messa e dopo che eravate tutti ubriachi cantavate ubriachi : Cin Cin portmi n’quartin…”

“Abdoul ascolta, oggi DAD”…però guarda Comune, Camera di Commercio e Regione hanno dato dei buoni omaggio, domani vatti a divertire”. Sul buono c’é scritto :”Cari studenti con questo avrete diritto all ‘agnolotto d’asino gratis e saltando la coda.” “Non sei contento?” “Sei musulmano!?????”….Ma l’asino non è il maiale” “Cos’è la carne Halal? “”E ma come siete complicati voi giovani stranieri.”

“Senti Kevin, ginnastica non la puoi fare….oggi, vai a correre a casa…la prossima settimana tocca a te in palestra!!” “Sabato puoi fare però la coda e pogare allo stand di Cessole per le frittelle”

” Carmen, Kevin, Alice Non fate sempre i complottisti!” “La TV vi rovina le menti!!” “Cosa vuol dire che è più rischioso il Palio o le Sagre della scuola?” “Io credo che voi non capiate, a scuola dopo il cappuccino in corridoio vi ho sempre beccati fare il trenino cantando Brigitte  Bardot, Bardot…questo con il vino non avviene!” “Al palio ci si abbraccia? Ma perchè paragonate cose imparagonabili, avete visto Diego dopo il 5/6 di fisica come si abbracciava con tutti, manco avesse vinto i mondiali!”

“Lo so ragazzi, che la scuola in presenza è importante, ma Cirio più che alle aule a giugno si è dedicato alle casette delle sagre, perchè mica potevamo rinunciare al più grande ristorante all’aperto del mondo.”

“E non prendetevela sempre con la Regione? Cirio solo delle casette contadine poteva occuparsi. Se la ministra Azzolina capisse cosa sono le Sagre, farebbe in piazza del Palio tante belle scuolette contadine, una sagra tutto l’anno.”

Ecco una bella idea, dopo il ristorante più grande del mondo finalmente la scuola all’aperto più grande del globo e per merenda frittelle il lunedì e il giovedì, il martedì e il mercoledì  la torta dell’abbondanza, il venerdì  la soma d’aj (che è giorno di digiuno) e per le prestazioni scolastiche più impegnative lo Zabaglione di Revignano.
Queste contraddizioni ci ubriacheranno nel settembre astigiano? Io spero di no.

Mario Malandrone Ambiente Asti