Quantcast

Le Rubriche di ATNews - Speciale 118 Sindaci

Speciale 118 Sindaci: intervista a Christian Orecchia, Sindaco di Moncalvo 

118 Sindaci: incontriamo Christian Orecchia, Sindaco di Moncalvo.

Da bambino aveva mai immaginato di diventare sindaco?

Si, diciamo che sono sempre stato molto curioso. Quindi quando vedevo dei lavori pubblici come ad esempio il rifacimento di un marciapiede, o quando aggiunsero i bidoni di carta e plastica, mi chiedevo come funzionasse quel mondo dell’amministrazione comunale che aveva delle ricadute così dirette e immediate sulla vita di tutti i giorni.

Come è nata la Sua candidatura a sindaco?

Moncalvo Viva, la lista del nostro gruppo, nasce per la tornata elettorale del 2014. Allora eravamo un gruppo di persone volenterose ma non avevamo alcuna esperienza amministrativa. Nessuno di noi voleva esporsi come candidato, non ci sentivamo pronti. Quindi nacque la candidatura di Piero Baldovino, ex assessore alla cultura in rotta con l’allora sindaco Fara.

Da qui nacque un’esperienza di minoranza durante la quale iniziammo a maturare la consapevolezza che per portare a casa il risultato, uno di noi avrebbe dovuto fare il candidato sindaco. Quindi, ragionando insieme agli altri membri di Moncalvo Viva decidemmo per la mia candidatura.

Aveva già qualche esperienza di tipo amministrativo o comunque nel settore pubblico?

Sono stato consigliere di minoranza e consigliere per l’unione terre del tartufo.

Durante lo scorso mandato ho anche fatto parte della commissione fiera Bue Grasso e della commissione agricola, posto che ho poi lasciato alla signora Marzano quando è entrata in consiglio a seguito di una surroga.

Quale è stato il suo primo pensiero nel momento che ha capito di essere stato eletto?

Sicuramente è stata una gioia immensa perché avevamo investito 5 anni in questo progetto e la campagna elettorale era stata molto tesa e impegnativa. Però eravamo già proiettati con la testa sui nostri progetti.

Ha un sogno o un grande progetto (che potrebbe essere tutt’ora nel cassetto), che vorrebbe realizzare?

Magari ce ne fosse uno solo, siamo pieni di sogni nel cassetto. 

Moncalvo ha un patrimonio architettonico e culturale incredibile.

Dal punto di vista architettonico mi piacerebbe riuscire a ristrutturare degnamente palazzo Testafochi per restituire alla città questo gioiello che attualmente è sede di diverse associazioni ma i cui piani superiori sono purtroppo in stato di degrado.

Dal punto di vista artistico sarebbe bello riuscire a valorizzare il materiale ancora conservato nei nostri archivi, ci sarebbe materiale per altri 3 musei.

*************************************

Si ringrazia per il sostegno al Progetto 118 Sindaci

Il Progetto 118 Sindaci gode del Patrocinio della Provincia di Asti

e della Prefettura di Asti