Il Consigliere provinciale Andrea Giroldo: “La programmazione scolastica condivisa è strategica per il territorio”

La scuola astigiana sta vivendo una fase di cambiamento e, seppur in un momento in cui l’attenzione è rivolta più alla sosta forzata per le ordinanze legate al Coronavirus e a come fare a recuperare le lezioni perdute, lo sguardo è già puntato verso il futuro. Un futuro le cui linee guida sono state tracciate ieri dall’incontro con la nuova Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Asti Pierangela Dagna (di cui si può leggere QUI), e di cui ne abbiamo parlato oggi con Andrea Giroldo, consigliere provinciale con delega alla programmazione scolastica.

Do il benvenuto alla nuova Dirigente dell’UST,- esordisce Giroldo – che incontreremo presto come Provincia di Asti, per coordinarsi al meglio ed impostare politiche condivise del sistema scolastico provinciale. Accolgo con favore e condivido a pieno la volontà di un ripensamento volto all’efficientamento del sistema scolastico e sono molto fiducioso di un lavoro sinergico tra di noi.”

Il giovane Consigliere, nonché vicesindaco di Moncalvo, si è insediato lo scorso giugno nel Consiglio Provinciale guidato da Paolo Lanfranco, ed ha seguito personalmente le trattative con la Regione Piemonte per arrivare all’approvazione dei quattro nuovi corsi che prenderanno il via nella nostra provincia dal prossimo anno scolastico.

Si tratta del Liceo Musicale all’Istituto Monti, del corso di Servizio di Ospitalità Alberghiera dell’Istituto Penna presso il carcere di Quarto, del corso Made in Italy meccanico al Castigliano e del Liceo Linguistico al Pellati a Nizza Monferrato. In particolare, la scelta di proporre il corso linguistico in Valle Belbo nasce, da una parte, per sopperire al corso in esaurimento presso l’Istituto Paritario Nostra Signora delle Grazie, dall’altra, per far fronte ad una richiesta di iscrizioni che il solo Istituto Monti di Asti, dove è attivo il Liceo Linguistico, non si poteva fare carico.

Sono corsi – spiega il Consigliere – nati da un confronto continuo con i Dirigenti Scolastici, con i Sindaci, approvati dalla conferenza territoriale in cui, ovviamente, era presente anche l’UST di Asti.”
La programmazione provinciale della rete scolastica, nel rispetto della programmazione regionale, è in capo alla Provincia, ai sensi della Legge 56 del 2014, quale funzione fondamentale dell’ente di area vasta.
“Infatti – ribadisce Giroldo – è nostra intenzione convocare tavoli con tutti i rappresentanti delle Istituzioni coinvolte per andare nella stessa direzione.”

Oltre alla programmazione scolastica, il Consigliere, insieme al suo staff, sta effettuando un “tour” nelle scuole astigiane per conoscere personalmente le diverse realtà, i dirigenti scolastici, i docenti e gli alunni. “Si tratta di un giro esplorativo – spiega – che non si è ancora concluso, perché sono convinto che per lavorare bene, a livello politico, sia fondamentale una buona base di conoscenza di ciò per cui si lavora. Voglio essere in prima linea, non uno di quei politici che delegano tutto.”

Ha le idee chiare e molta determinazione il giovane Andrea Giroldo, che è uno dei volti nuovi della politica astigiana, salito alla ribalta dopo l’ultima tornata elettorale. Idee chiare come le iniziative che la Provincia ha proposto agli Istituti Superiori e agli Istituti Comprensivi, con tre progetti di spessore educativo e formativo.
A partire dal corso sui disturbi d’ansia e stress, in collaborazione con lo Studio Mind, in una prima fase rivolta agli studenti, che sarà gratuita, “su questo ci tenevo molto” sottolinea il Consigliere, ed una seconda, a pagamento, per i docenti con incontri formativi affinché loro stessi possano riconoscere questi fattori nei bambini e nei ragazzi.
Il secondo è legato al bullismo, con il comico di Colcavagno Fabrizio Brignolo che andrà nelle scuole che aderiranno per raccontare la sua esperienza a tu per tu con questo problema così subdolo ma così devastante che può accadere a chiunque.
La terza proposta, è la proiezione del film “Wonderful Losers: A different World”, collegato all’arrivo della tappa del Giro d’Italia del prossimo 29 maggio ad Asti. Il film riguarda il mondo del ciclismo focalizzando l’attenzione verso il punto di vista dello staff medico che lavora dietro ai campioni, per valorizzare gli sforzi di chi sta dietro le quinte.

Sono progetti a cui saranno i Dirigenti Scolastici, nell’ambito della loro autonomia, a decidere se aderire o no, ma noi siamo fieri di poterne proporre tanti, coinvolgendo tutti gli Enti interessati ed anche diverse associazioni locali, come ad esempio Mani Colorate, tanto per citarne una molto attiva nell’ambito del bullismo” – precisa.

Tornando al principio, la scuola sta affrontando una situazione imprevedibile, come del resto, tutta la società locale. Il pensiero di Giroldo va dunque al Coronavirus ed alle scelte che ne sono conseguite.
Rispetto e condivido la decisione del Ministero della Salute e del Governatore della Regione Piemonte Alberto Cirio: le scuole sono un luogo di esposizione di particolare rischio, hanno fatto benissimo a chiuderle. Domani avremo un incontro con il Dirigente Scolastico Franco Calcagno (cui fanno capo Artom e Castigliano, ndr) e valuteremo insieme, nel caso dovesse perdurare questa situazione, se avviare attività di e-learning. Nel frattempo colgo l’occasione di questa intervista ad Atnews per rivolgermi agli studenti: approfittate di questa situazione per staccare, prendetela come occasione per rilassarvi ma anche per studiare e ripassare, per essere pronti a recuperare i giorni andati perduti.”


Claudia Solaro