Quantcast

Le Rubriche di ATNews - Speciale 118 Sindaci

Speciale 118 Sindaci: intervista a Filippo Barrera, Sindaco di Corsione

118 Sindaci: incontriamo Filippo Barrera, Sindaco di Corsione.

Da bambino aveva mai immaginato di diventare sindaco?

Sinceramente ho sempre avuto una predisposizione, già da bambino, ad organizzare, fare, ideare, a rendermi utile per gli altri…… pensi che avevo già all’età di 14 anni fondato con il mio compianto fratello gemello una piccola compagnia filodrammatica in paese di cui facevo il regista e l’attore; poi non parliamo degli eventi in parrocchia quale animatore ed organizzatore, presentatore in Pro Loco ed in altre manifestazioni….. a proposito una delle tante voci del Festival delle Sagre appartiene a me, io sono “quello sul trabattello” della partenza della grande sfilata contadina delle Sagre astigiane…. 

Come è nata la Sua candidatura a sindaco?

Con il sostegno di buona parte della lista uscente, mi è stato chiesto di ripropormi come Sindaco avendo già alle spalle anni ed anni di esperienza amministrativa e poi molti cittadini mi hanno chiesto di continuare e di non mollare perché hanno sempre avuto fiducia in me! 

Aveva già qualche esperienza di tipo amministrativo o comunque nel settore pubblico?

Certo! Questo è il mio terzo mandato da Sindaco. Già nel 2004 il mio primo mandato, nel 2009 il secondo e nel 2014 Vice Sindaco con Sara Betta allora Sindaco senza dimenticare nove anni da Vice Sindaco dal 1990 al 1999 (lì mi sono fatto le ossa!)  Fare il sindaco, nei nostri piccoli paesi….. il mio conta 247 anime! Per me significa essere e diventare volontari del territorio, un po’ come i missionari in terra santa che si mettono al servizio degli altri non facendo mai spegnere speranze ed aspettative!

Il Sindaco, a mio parere, è e deve essere continuamente un riferimento saldo e preciso per i suoi cittadini difendendoli assicurando loro sicurezza, sviluppo e benessere. 

Quale è stato il suo primo pensiero nel momento che ha capito di essere stato eletto?

L’impegno continua! Così come era scritto sul simbolo della mia lista civica! La responsabilità diventa maggiore e maggiore deve essere il mio impegno. Umiltà, trasparenza e spirito di servizio devono essere principi primi di ogni sindaco conservando buoni rapporti con i cittadini e tutto il tessuto sociale del paese. Comune, Parrocchia, Associazioni come la Pro Loco devono diventare un tutt’uno attraverso una sana collaborazione dove l’unico fine è il bene esclusivo di tutti.   

Ha un sogno o un grande progetto (che potrebbe essere tutt’ora nel cassetto), che vorrebbe realizzare?

Se avessi a disposizione più risorse e strumenti, sarebbero molte le cose che vorrei vedere realizzate. Soprattutto mi preme la funzionalità degli uffici e del personale (attualmente ho tutti esterni). Un servizio continuo ed efficiente deve sempre essere garantito al cittadino che deve vedere il proprio Comune come un faro che rischiara ed accompagna una nave in un porto sicuro!

Entrando nel dettaglio dei progetti realizzabili, sarei propenso a rivedere il tratto stradario e viario del territorio comunale; aver la possibilità di accedere a diversi bandi senza dover aggiungere co-contributi dalle casse comunali; poter ultimare i lavori alla struttura polivalente di Piazza IV Novembre prevedendo una chiusura tutta all’esterno affinchè si possa utilizzare anche d’inverno; dare maggior visibilità al paese organizzando nuovi eventi con la Pro Loco oltre alla già collaudata festa patronale; mantenere, ampliare e rimodernare l’ambulatorio medico; ecc. ecc.  

*************************************

Si ringrazia per il sostegno al Progetto 118 Sindaci

Il Progetto 118 Sindaci gode del Patrocinio della Provincia di Asti

e della Prefettura di Asti