“Asti incontra la Cina”: decine di imprese hanno partecipato alla giornata tra momenti istituzionali, spazi commerciali e spettacoli fotogallery

Più informazioni su

Momenti istituzionali, incontri commerciali e spazi dedicati alla cultura e all’arte: “Asti incontra la Cina” è l’evento organizzato dal Consolato generale della Repubblica popolare cinese a Milano con il Comune di Asti che ha portato in città delegazioni e aziende cinesi.

L’evento si è aperto al mattino: prima la visita all’azienda Rovero di San Marzanotto, poi alla scoperta di Asti con tappe nel centro storico della città, con palazzi, musei e chiese. Presente per un saluto, anche il presidente della Regione Alberto Cirio.

In piazza San Secondo, nell’androne del municipio, l’inaugurazione ufficiale alla presenza delle autorità, con cerimonia guidata dal sindaco Maurizio Rasero con il console generale della Repubblica Popolare di Cina a Milano Song Xuefeng.

“Siamo molto onorati di avervi qui oggi” ha esordito il sindaco Rasero: “Ringrazio i funzionari del Consolato e le tante imprese cinesi presenti nella nostra città. A nome del territorio vi ringrazio per questa opportunità e per l’onore che ci fate. E’ una giornata storica, speriamo che dall’ammirazione e dalla stima che ci legano possano nascere anche scambi commerciali ed economici”.

“Asti e la Cina sono molto lontani ma anche molto vicini – ha detto il console Song Xuefeng – Vi do il benvenuto a nome del Consolato, con l’augurio che la giornata di oggi sia un successo e abbia risultati fruttuosi”.

Scambi economici e relazioni commerciali sono stati al centro del “Forum di cooperazione economica e commerciale sino-italiana” sull’iniziativa “Belt and Road”, ovvero la nuova via della seta, iniziativa strategica della Repubblica Popolare Cinese per il miglioramento dei collegamenti commerciali con i Paesi nell’Eurasia.

In Camera di commercio, il confronto tra aziende astigiane e cinesi. Un’ottantina le imprese di Asti e provincia, in rappresentanza di diversi settori: enogastronomia, turismo, edilizia e immobiliare, progettazione e costruzioni, meccanica e produzione industriale, ma anche servizi dalla logistica alla consulenza al commercio.

Dall’altra parte del tavolo le imprese cinesi: una cinquantina, impegnate in settori diversi, corrispondenti a quelli delle imprese astigiane, con l’aggiunta dei settori finanziario, consulenza, export e import, importatori di vino e cibo, ma anche e-commerce in beni di lusso, dagli yacht alla cosmesi.

A chiudere la giornata ci sarà, al Teatro Alfieri, il concerto “Bella Cina” del gruppo artistico della Provincia dello Hebei (Cina), con il soprano Erika Grimaldi accompagnata dal maestro Sebastian Roggero, e la partecipazione dell’attore astigiano Aldo Delaude con liriche del poeta cinese Li Bai e brani da “Il milione” di Marco Polo.

Più informazioni su