Quantcast

Il significato oltre la statuina: ad Aramengo la mostra allestita da Giorgio Franco per conoscere i segreti del presepe

Qual è il significato dei personaggi del presepe? Quale simbologia o storia si cela dietro ogni statuina?

Queste le domande che sono alla base dell’allestimento della mostra “Il Presepe… che meraviglia” inaugurata domenica scorsa 8 dicembre dal Comune di Aramengo in collaborazione con Anna Rosa Nicola all’interno della rassegna “Oro, incenso, mirra. Presepi nel Monferrato”. E queste soprattutto le domande che si è fatto il suo curatore, Giorgio Franco.

il presepe delle meraviglie aramengo

Giorgio, classe 1962, nato a Torino, ma con origini aramenghesi, costumista teatrale con un percorso professionale e personale che lo ha portato ad occuparsi di allestimenti di spettacoli e mostre, non è uomo da fermarsi alla superficie, ma piuttosto un artista attirato dalla simbologia, dal significato recondito delle cose.

Con questa idea e con questa curiosità è stata sviluppata l’idea di una mostra in 18 passaggi attraverso i quali ci si inoltra nei diversi significati degli elementi che compongono il presepe.

Con questo allestimento si potrano ammirare due elementi realizzati da Giorgio Franco, San Francesco d’Assisi e la zingara (carte naturali, carta colla giapponese, metallo e acrilici) e i personaggi costruiti dall’artista Anna Rosa Nicola (materiali misti, legno, tessuto, terra cotta, plastilina…). “Nel presepio ci sono personaggi tradizionali, che ritornano sempre. Ci sono il pastore, la coppia di sposini, lo zampognaro, il giocatore di carte…solo per fare degli esempi – spiega Franco – E ognuno di loro ha un significato preciso. Attraverso gli occhi di un laico come me, ma attento e sensibile alle tradizioni popolari  e al nostro patrimonio iconografico, composto di ricordi di infanzia, voci del passato e spiritualità  misteriosa, ho deciso di dare una spiegazione, allegorica e storica, del senso di quei personaggi”.

il presepe delle meraviglie aramengo

Quello di Aramengo non è quindi un semplice presepe, ma un meta-presepe, una mostra per addentrarsi nella nostra storia e cultura, adatta in modo particolare ai curiosi e alle persone assetate di conoscenza, ma anche ai bambini.

Per addentrarsi ancora di più nello spirito del Natale e nei segreti del presepe, infatti, sabato 21 dicembre alle 16 sarà proposto uno spettacolo rivolto ai più piccoli realizzato in collaborazione con il Centro Francescano Culturale, con P. Marco Finco, Pietro Grava e Roberta Paolini (ingresso gratuito). Sarà uno spettacolo esplicativo in cui i bambini per un’ora potranno dare vita ai personaggi del presepe.

La mostra è allestita nel Salone delle Associazioni (piazza del Municipio) e sarà visitabile fino al 6 gennaio.