Quantcast

“Soldato mulo va alla Guerra” raccoglie apprezzamenti e applausi dal pubblico di Cisterna

Pienone domenica pomeriggio a Cisterna d’Asti, nel Museo Arti e Mestieri di un Tempo, per lo spettacolo del Teatro degli Acerbi “Soldato mulo va alla Guerra” con Massimo Barbero, testo e regia di Patrizia Camatel.

Lo spettacolo, uno dei più apprezzati nell’ultimo anno e che a Cistern ha trovato un’ambientazione suggestiva e unica per immergere il pubblico in una coinvolgente ed emozionante narrazione, si inseriva nella nuova rassegna “Terre di racconti”, promossa dall’Ecomuseo Basso Monferrato.

Durante la Prima Guerra Mondiale accanto agli uomini ha combattuto un esercito di animali. Una commovente fratellanza suggellata dalla comune sorte, raccontata in un monologo a partire dai ricordi di soldati al fronte.

Al termine un lunghissimo applauso per l’interprete e l’autrice da parte del variegato pubblico, composto anche insegnanti, amministratori e turisti del Museo (che hanno potuto usufruire di visite guidate).

A seguire c’è stata l’apprezzata presentazione del libro “E’ la guerra. Diario maggio-agosto 1915” di Angelo Gatti – editrice il Mulino, con Nicoletta Fasano dell’Istituto per la Storia della Resistenza della Provincia di Asti .

Soldato mulo va alla Guerra

Angelo Gatti, ufficiale di Stato maggiore, dal maggio del 1915 comincia a scrivere il suo diario di guerra. Uomo dalla personalità ricca e dalla vasta cultura, affida alla carta riflessioni, cronache, dubbi, impressioni segnati dalla consapevolezza che questa guerra, la Grande guerra, sarà completamente diversa dalle altre, nuova e imprevedibile nei suoi sviluppi futuri.

La rassegna “Terre di racconti”, sostenuta dalla Regione Piemonte, proseguirà sabato pomeriggio 2 novembre a Tonco nel salone di Villa Toso con “E venne la notte…Storie di masche, folletti e creature del mistero” con la Compagnia Il Melarancio.

Soldato mulo va alla Guerra