Quantcast

Amalberto (Unione Industriale di Asti): “Il Welfare aziendale chiave per l’abbassamento del cuneo fiscale”

L’Unione industriale della Provincia di Asti, Unioncamere e ANCI Piemonte hanno organizzato un convegno che si è tenuto lo scorso 29 ottobre relativo a “Piani di Welfare aziendale. Un bando per le aziende per sostenere azioni di welfare”.
Il tema del welfare aziendale, ossia quell’insieme di beni e servizi in ambito assistenziale, educativo, previdenziale, ricreativo che il datore di lavoro mette a disposizione dei propri lavoratori e relativi familiari, è un argomento di sempre maggiore interesse nell’ambito del mondo del lavoro.

I lavori del convegno sono stati aperti dal Presidente dell’Unione Industriale della Provincia di Asti, Andrea Amalberto, che ha sottolineato come il welfare possa diventare la chiave per l’abbassamento del cuneo fiscale: “In un sistema come quello del nostro Paese ove l’eccessivo carico fiscale e contributivo determina una situazione paradossale in cui a fronte di un costo del lavoro fra i più elevati al mondo la retribuzione dei lavoratori risulta tra le più basse dei paesi industrializzati, il welfare si rivela uno strumento molto apprezzato da imprese e lavoratori.”

E’ poi intervenuto il Presidente della Provincia di Asti, Paolo Lanfranco, che ha espresso l’appoggio a tali iniziative sottolineando come sia sempre più necessario che le forze sociali trovino momenti di sinergia che possono portare vantaggi all’economia provinciale.
In seguito si sono tenuti gli interventi dei relatori con questi temi: il Welfare nella contrattazione collettiva e nella contrattazione aziendale. Normativa ed esempi applicativi (relatore Alberto Bosticco, Ufficio Sindacale Unione Industriale della Provincia di Asti), Welfare aziendale: agevolazioni fiscali e contributive (relatore Andrea Bonino Ufficio Fiscale, Unione Industriale della Provincia di Asti ) e un piano di Welfare di successo. Spunti per un concreto coinvolgimento dei lavoratori (relatore Giancarlo Caprioglio).

Gli interventi hanno consentito di approfondire i vari aspetti connessi al welfare aziendale: dall’esclusione dall’imponibile fiscale e contributivo agli elementi di fidelizzazione e di miglioramento del clima aziendale che il welfare comporta. Sono stati forniti inoltre spunti operativi ed esempi di creazione di piani di welfare.
I lavori sono poi proseguiti con l’intervento di Erica Giordano per ANCI Piemonte che ha illustrato le caratteristiche del bando regionale volto a finanziare iniziative legate ad alcune forme di Welfare, approfondendone la finanziabilità e le condizioni di accesso.