Il neocentenario Luigi Frola, testimonianza di vita nicese

Il neo centenario Luigi Frola, nato il 13 ottobre del ’19, appartiene ad una famiglia profondamente radicata nella Città di Nizza Monferrato, “un nicese doc” così l’ha presentato il sindaco Simone Nosenzo durante la festa a lui dedicata domenica scorsa. Sesto di otto fratelli, per tanti anni è stato direttore della Banca di Nizza, il cui padre Carlo, nel 1924, ne fu uno dei fondatori.

Successivamente, quando la Banca di Nizza fu assorbita dalla Banca Popolare di Novara, Luigi Frola ha continuato a prestare servizio presso la filiale di Nizza.

Ha avuto così modo di conoscere, aiutare e sostenere tanti nicesi che a lui si sono rivolti. Purtroppo molti di quei concittadini non ci sono più per testimoniare la sua professionalità ed affabilità, doti che lo hanno sempre caratterizzato nella vita sia famigliare che lavorativa.

Luigi ha ricevuto gli auguri istituzionali della Provincia di Asti rappresentata dal Consigliere delegato Marco Lovisolo, anche assessore al Comune di Nizza, che gli ha consegnato la pergamena di “Patriarca dell’Astigiano” unitamente all’omaggio di alcune pubblicazioni della Provincia e dell’Amaro del Centenario, della ditta Punto Bere di Canelli, partner nell’iniziativa.

In occasione del suo centesimo compleanno, il sindaco di Nizza Simone Nosenzo e tutta l’Amministrazione comunale gli hanno tributato un caloroso augurio, dimostrandogli la più viva gratitudine per il suo contributo e quello della sua famiglia alla vita sociale ed economica della comunità nicese.

Nella foto: il centenario Luigi Frola al centro delle autorità e i parenti