Al Castello di Costigliole l’incontro “OCM Unica Regolamento” organizzato dal Consorzio Barbera d’Asti

Un bando per promuovere gli investimenti nel mondo del vino. È questo il senso della misura contributiva Ocm inserita nel programma nazionale di sostegno del settore vitivinicolo, un piano rivolto alle aziende enologiche piemontesi che, su scala regionale, supera i 2 milioni e 600 mila euro.

La misura è mirata a finanziare, tra le altre cose, acquisto di attrezzature e impianti, acquisto di attrezzature informatiche e relativi programmi e piattaforme per punti vendita aziendali ubicati sia all’interno che all’esterno delle unità produttive di trasformazione e conservazione, comprensivi di sale di degustazione, investimenti materiali per l’esposizione e la vendita dei prodotti vitivinicoli, compresa la degustazione.

Ogni impresa può definire un investimento che oscilla da un minimo di 20 mila euro a un massimo di 350 mila euro, con un contributo concesso pari al 40% della spesa effettivamente sostenuta.

Il messaggio è lanciato dal Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, che assieme alla Direzione Agricoltura della Regione Piemonte, ha fissato un incontro per giovedì 24 ottobre, alle ore 15,00 nella sede del Consorzio a Costigliole d’Asti (Piazza Vittorio Emanuele II, n. 10), per illustrare alle aziende interessate le specifiche disposizioni attuative.

“Lo sviluppo tecnologico e strutturale è una condizione affinché prosegua l’indispensabile crescita delle aziende vitivinicole – dichiara Filippo Mobrici, Presidente del Consorzio Barbera d’Asti e vini del Monferrato – In tal senso riteniamo importante offrire il maggior numero di informazioni relative ai finanziamenti Ocm, veri e propri architravi di tale processo. Un particolare ringraziamento lo dobbiamo alla Regione Piemonte, a nostro fianco in questa iniziativa e da sempre attenta allo sviluppo della filiera”.