Io ci metto la faccia ! Un viaggio con i Bio-agricoltori: Azienda Agricola Filogea video

Conclusa la prima serie di video narrazioni sul mondo del biologico della rubrica Il Bio secondo noi in collaborazione con la Cooperativa della Rava e della Fava, ecco che inizia una nuova serie che andrà a focalizzare una serie di aziende agricole storiche biologiche e biodinamiche.

La serie di video ha come titolo Io ci metto la faccia! Un viaggio con i nostri Bio-agricoltori.

Corpo e natura: un’unica storia

Sono arrivato a Viterbo per trovare un amico e ho avuto subito un colpo di fulmine: mi sono innamorato del terreno di origine vulcanica ricco di microelementi, verde anche d’inverno. Mi chiamo Daniele Colussi ed è in queste terre che ho fatto nascere Filogea, la mia azienda agricola. Nel giro di pochi mesi mi è capitata l’occasione di acquistare nel viterbese 11 ettari e mezzo con un casale, un uliveto e una stalla. Quello che ho chiesto a mia moglie era un grande cambiamento. Nel 2008 abbiamo così salutato Portogruaro per intraprendere insieme questa nuovo progetto di vita.

Anche se mi occupavo già da prima di agricoltura, devo ammettere che l’approccio è stato totalmente diverso. Nella mia precedente azienda di famiglia, mi occupavo di preparare i diserbanti con sostanze chimiche e antiparassitarie. Oggi nella nostra nuova terra, nella nostra nuova casa, ho ritenuto impensabile utilizzare quel genere di sostanze.

Credo che alla pianta non serva assolutamente niente, a patto che il terreno venga nutrito in modo adeguato. E per farlo bene serve preparare un compost di eccellente qualità, che, a seconda del grado di maturazione, sarà adatto ad ogni tipo di coltivazione. Basta davvero poco per far nascere e crescere la vita in armonia con l’ecosistema! In questi dieci anni di lavoro i risultati sono stati sempre più incoraggianti e la produzione è ogni giorno più rigogliosa e viva.

La presenza dell’erba, poi, è un dato importantissimo, mi dice come sta il terreno: l’ortica, per esempio, mi dice che nella terra c’è il ferro, mentre il papavero rende presente la presenza di calcio. E se sbaglio una lavorazione, il terreno mi risponde facendo crescere piante che altrimenti non crescerebbero.

Tra dieci anni mi immagino l’azienda al centro di un bosco, in cui le persone hanno la possibilità di entrare liberamente e toccare la terra con le proprie mani, per conoscere ciò che mangiano nel luogo in cui nasce.

Az. Agr. Filogea – Strada Riserie, 2 – Viterbo

 

COOPERATIVA DELLA RAVA E DELLA FAVA