Quantcast

Le Rubriche di ATNews - Il Tri-angolo di Mengozzi

Il Tri-angolo di Mengozzi: Il canto di un senzatetto divenuto musica

Più informazioni su

Ottavo appuntamento con la rubrica mensile che arricchisce le proposte per i lettori di Atnews.it.

IL CANTO DI UN SENZATETTO DIVENUTO MUSICA

1971. Il compositore Gavin Bryars si aggira nell’area delle metropolitane londinesi Elephant & Castle e Waterloo. Sta aiutando un suo amico, il regista Alan Power, a recuperare frammenti sonori da inserire in un documentario della BBC.

Tornato a casa, il compositore sbobina il materiale prelevato. Tra canti di ubriachi e rumori della City, l’attenzione cade su un frammento molto intenso: è la voce di un senzatetto registrato mentre intonava un canto religioso, “Jesus’ Blood Never Failed Me Yet”.

Gavin Bryars immediatamente intuisce il potenziale espressivo di quanto ha fra le mani, quindi si siede al pianoforte e inizia a creare un accompagnamento ad hoc per quella voce dolce e toccante. Un anno dopo vedrà la luce il brano completo, che sarà poi inciso nel 1974.

Successivamente Bryars creerà nuove versioni del brano tra cui quella divenuta popolare in cui al canto del senzatetto si aggiunge la voce del cantante Tom Waits: 74 minuti di musica, in un crescendo che culmina nel suggestivo duetto fra Tom Waits ed la voce del senzatetto artificialmente creato in studio.

Sappiamo che il clochard morì senza poter ascoltare quello che è probabilmente il capolavoro musicale di Gavin Bryars, ma la sua nuda voce immortalata dai microfoni e arricchita dall’accompagnamento di un’intera orchestra resta per noi oggi una testimonianza delle potenzialità spirituali di cui la musica dispone.

Fabio Mengozzi

“Il Tri-angolo di Mengozzi” prende spunto da un intervento sul nostro quotidiano del musicista astigiano di fama internazionale Fabio Mengozzi, compositore, pianista, direttore d’orchestra e docente di musica, in seguito ai fatti di Corinaldo (clicca QUI).

L’obiettivo della rubrica è quello, sempre nel massimo rispetto delle scelte musicali di tutti, di fornire con nozioni semplici un punto di vista alternativo da quello che offrono ogni giorno i media, di educare ed indirizzare i giovani alla musica profonda, spirituale, in modo da ampliare le possibilità di scelta nell’ascolto della musica.

 

Più informazioni su