A Canelli la “Camminata del cigno” per informare sull’importanza della donazione degli organi

Più informazioni su

Grande partecipazione alla “Camminata del cigno” organizzata sabato 13 luglio dai volontari AIDO Gruppo Comunale di Canelli in collaborazione con il gruppo dei volontari di Santa Chiara.

La camminata si è svolta tra le zone di via Bosca e Regione Boschi dove il panorama visibile è suggestivo e permette di ammirare frontalmente la Sternia che sembra formare un arco lungo e sinuoso, curvilineo e morbido proprio come il collo di un cigno.

I volontari hanno segnati il percorso, tappezzandolo di cartelloni con frasi e informazioni sulle attività AIDO e sulla donazione di organi. Allestite anche appe enogastronomiche con piatti appetitosi e stuzzicanti, che hanno accompagnato la camminata. Hanno concluso la serata gli Show Rhum con un concerto rock con musiche di Vasco Rossi, Ligabue e Litfiba.

camminata del cigno aido canelli

“Una partecipazione così, è andata oltre le nostre aspettative – dichiara il presidente di Aido Canelli Fabio Arossa – abbiamo toccato i 150 iscritti a cui vanno aggiunte le persone che pur non percorrendo l’itinerario hanno deciso di partecipare alla grande festa restando nel cortile di Santa Chiara. Una grande soddisfazione per noi volontari Aido e per i volontari di Santa Chiara dopo circa 6 mesi di organizzazione”.

Presente alla serata anche l’assessore al Volontariato Raffaella Basso che ha speso parole di apprezzamento per i gruppi promotori dell’evento ed, in particolare, ha ricordato Aido come punto di riferimento e di informazione sulla tematica della donazione di organi affinché la scelta del cittadino sia una scelta consapevole che si può manifestare sia tramite Aido, sia attraverso il progetto “Una scelta in comune” cui ha aderito anche il Comune di Canelli. Da circa tre anni, infatti, presso l’ufficio anagrafe è possibile associare l’emissione della carta d’identità elettronica alla dichiarazione di volontà in tema di donazione degli organi: in occasione del rilascio o del rinnovo della carta d’identità, infatti, si può registrare il proprio consenso o diniego in merito alla donazione. La scelta è inserita nel database del Ministero della Salute.

A fine serata don Pinuccio Parroco di Santa Chiara e Fabio Arossa presidente di Aido Canelli hanno concluso i festeggiamenti ringraziando i presenti e confermando che “La grande partecipazione alla prima edizione e il supporto avuto dalle aziende locali nonché dall’amministrazione comunale sono sintomo di un legame sempre più forte tra il territorio e le associazioni coinvolte e sono un incoraggiamento a fare sempre di più e sempre meglio!”.

 

Più informazioni su