Quantcast

Mattinata ricca di proposte con la cogestione all’Artom di Asti fotogallery

Dal simulatore di volo agli scacchi, dalle lezioni di guida sicura alla storia d’Italia: è stata una mattinata intensa quella che ha visto gli studenti dell’Istituto Artom di Asti impegnati nella cogestione nella giornata di oggi, giovedì 2 maggio.

Le proposte sono state davvero tante, da quelle sportive ai giochi da tavolo, passando per il laboratorio di elettrotecnica, al convegno con Mario Renosio dell’Israt in cui i ragazzi di quinta hanno potuto assistere ad una lezione sulla recente storia d’Italia propedeutica all’ormai prossimo esame di maturità. Tutte perfettamente coordinate dal rappresentante degli studenti Giulio Bilato, anima e factotum della cogestione, che ha messo in piedi, con il supporto di un prezioso staff, una giornata di scuola alternativa e speciale nell’istituto guidato dal Dirigente Scolastico Franco Calcagno.

Tra i tanti, i laboratori che hanno attirato grande attenzione da parte degli studenti sono stati l’abbinata Guida sicura, a cura di Claudio Bilato, e Simulatore di Guida, creazione dello stesso Giulio Bilato; il Simulatore di Volo, con Bruno Oldano ed Enrico Tessitore, dell’Aviosuperficie Astigiana di Castello d’Annone, e il DJ Set.

Abbiamo avuto studenti dalle 8.30 fino a fine mattinata senza soste” – ci racconta Tessitore, sottolineando come abbiano accolto con piacere l’invito a partecipare alla cogestione “per avvicinare i ragazzi ad un’attività che può sembrare un mondo nascosto ma che invece è una realtà a portata di mano”.

Lo conferma Gabriele, studente del quinto anno, che ha già la licenza per pilotare ultraleggeri a motore con un passeggero, racconta: “Ho iniziato proprio sul simulatore, uno step che aiuta parecchio perché è molto utile per capire cosa ci si troverà a fare davvero in volo”.

Commenti positivi anche da parte di Denis, Andrea e Matteo, studenti del secondo anno. “Avevo già provato ed è stato bello riprovare” rivela Andrea, che è un grande appassionato della materia. “Bello e divertente” – gli fanno eco Matteo e Denis, con quest’ultimo che però ammette “preferisco avere le ruote ben salde a terra!”

Anche il simulatore di guida ha catturato l’attenzione di molti studenti, che hanno potuto provare l’esperienza virtuale di guidare su una pista libera, ma, insieme alle prove di velocità, c’è stato spazio anche per riflettere sull’importanza della guida sicura. Attraverso il laboratorio tenuto da Claudio Bilato, i partecipanti hanno potuto mettersi alla prova per capire quanto sia fondamentale essere concentrati su quello che si sta facendo alla guida. Curioso ed efficace, il test per evidenziare come sia pericoloso il multitasking: “Non è possibile fare due cose contemporaneamente, si fanno male entrambe perchè il nostro cervello è tarato per dare il 100% su una cosa alla volta. Quindi, ad esempio, parlare al telefono mentre si guida, distoglie attenzione ed è molto pericoloso.” è il nocciolo della questione che i ragazzi hanno potuto toccare con mano con un vero e proprio semplice esperimento.

Grande entusiasmo anche nell’area dedicata al DJ Set. “Abbiamo inserito questa proposta – spiega Giulio Bilato – perchè un nostro ex studente, Nicolò Provenzano, aka Millennial è diventato DJ e producer di Armin Van Buuren. Con lui sono venuti Dj Zeero, alias Mattia Errante ex allievo dell’Artistico, ed Alessio Vignale.”