Al CPIA credenze, riti e tradizioni da Asti all’Africa nella Notte delle masche

Sabato 18 maggio alle 21 il CPIA 1 di Asti organizza la “Notte delle masche”.

In occasione della “Notte europea dei musei” la sede centrale di piazza Leonardo da Vinci 22 del CPIA 1 di Asti, che ospita anche la Biblioteca Interculturale Renato Bordone e alcune opere di Eugenio Guglielminetti, rimane aperta e si fa museo di tradizioni antropologiche che hanno aspetti comuni in vari popoli.

Sarà possibile immergersi in un viaggio tra superstizioni, credenze, riti e tradizioni di una comunità agricola astigiana.
Attraverso percorsi guidati i visitatori entreranno in contatto con storie, racconti, oggetti e personaggi che per secoli hanno accompagnato speranze e paure delle comunità agricole astigiane.
Le maschere e i riti accompagnano da sempre la storia dell’uomo attraverso la cultura.
Utilizzando varie modalità espressive (burattini, teatralizzazione e fotografia) il viaggio accompagnerà le nostre campagne per giungere alle foreste e zone rurali della Casamance in Senegal.

Sarà possibile vedere le foto di un Reportage di Diana Bagnoli sulla festa rituale di iniziazione dei Diola: “il Bukut”.

L’ingresso è libero e saranno organizzati tre appuntamenti di visite guidate: alle 21, 21.30 e alle 22.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con la “Compagnia in volo” e il Comitato Pavia Asti Senegal CPAS Onlus.

notte dele masche cpia asti