Chiude la sedicesima edizione della Mezza Stagione a Costigliole d’Asti: tre mesi di teatro e oltre 1000 spettatori

Si è chiuso il sipario sulla sedicesima “Mezza Stagione”, il cartellone della stagione invernale 2018/2019 del Teatro Municipale di Costigliole d’Asti, che si confermato tra più seguiti a livello locale e regionale e di assoluto rilievo per gli artisti e compagnie ospitate.

La stagione teatrale è stata realizzata dal Comune di Costigliole d’Asti e dalla Fondazione Piemonte dal Vivo – Circuito Regionale Multidisciplinare con la direzione artistica e organizzativa del Teatro degli Acerbi.
Fondamentale il contributo delle Fondazioni C.R.Asti e C.R.T. e di importanti sponsor locali (Bosca, Bianco Auto, Heliwest, Casa Vinicola Morando, SOMET, Dragone srl e Florovivaismo Casto); un importante esempio di partecipazione degli imprenditori del settore privato alla realizzazione della stagione.

La stagione, che era iniziata il Capodanno a teatro, si è realizzata con sei appuntamenti fino al 23 marzo con circa 1000 spettatori (con tre “tutto esaurito” in prevendita).
E’ proseguito inoltre il “Teatro Scuola”, con due ulteriori appuntamenti al mattino per gli studenti delle scuole costigliolesi, con la partecipazione ulteriore di circa 300 studenti.
Grande soddisfazione è stata espressa dal Teatro degli Acerbi e dal sindaco Borriero per un’altra stagione molto significativa dal punto di vista dei numeri e del particolare apprezzamento alla variegata proposta artistica con un ricco programma tra nuovi spettacoli (con prime assolute sul territorio astigiano), commedie, teatro popolare e musicale, appuntamenti per le scuole.

Tra gli appuntamenti più apprezzati il “Capodanno a teatro”, per la prima volta con un grande concerto tra opera, operetta e canzone, con un ensemble di virtuosi cantanti lirici e brindisi in Castello.
E poi a gennaio il ritorno di un grande spettacolo storico “Vanzetti. Il sogno di un emigrato Italiano” di Nattino, portato in scena dopo oltre dieci anni dal Teatro degli Acerbi.

Tra i “soldout” anche la prima volta costigliolese con il giullare contemporaneo Matthias Martelli e il ritorno della Compagnia Teatrale Masaniello con la nuova commedia della “O’Scarfalietto” di Scarpetta.
Anche quest’anno alcuni spettacoli sono stati preceduti dalle Pillole di danza, con l’obiettivo di approfondire e stimolare l’interesse e la conoscenza verso il linguaggio coreografico.
E poi, come di consueto, si è scesi nella cornice caratteristica della Cantina dei Vini, con degustazioni di qualità e vini del territorio.

L’Amministrazione è già al lavoro con il Teatro degli Acerbi per il cartellone 2019/2020 della Mezza Stagione.
Ma prima alcuni appuntamenti di valorizzazione culturale del Castello attraverso il progetto “Castello di Costigliole d’Asti, il racconto e la cultura del territorio” e l’estate con la Comunità Collinare tra Langa e Monferrato con l’atteso programma del festival “Paesaggi e oltre 2019. Teatro e musica nelle Terre dell’Unesco”.