Quantcast

Puliamo Insieme 2019: cresce il numero dei Comuni aderenti

Più comuni e più studenti.

Queste le novità dell’edizione 2019 di “Puliamo insieme”, l’iniziativa ambientale promossa dalla Provincia di Asti.

In crescita le amministrazioni aderenti che sono passate dalle 44 del 2018 a 62.

Molti rappresentanti dei comuni coinvolti erano presenti questa mattina ad Asti per la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa e per ritirare il materiale necessario: guanti, pettorine e locandine.

Tutti pronti quindi per il weekend del 23 e 24 marzo quando cittadini, volontari ed amministratori si rimboccheranno le maniche per dare una risposta all’inciviltà dei rifiuti abbandonati.

“Chi ha aderito dimostra già una sensibilità ambientale, ma con questa iniziativa si vuole raggiungere un numero più grande possibile di persone per dare un buon esempio a quelle meno attente” introducono Marco Gabusi e Paolo Lanfranco, presidente e vicepresidente della Provincia.

E quest’anno il maggiore coinvolgimento di persone parte dai  giovanissimi, gli studenti di elementari e medie, grazie alla collaborazione dell’Ufficio Scolastico Territoriale che ha invitato le Direzioni didattiche a promuovere l’evento.

Agli studenti della scuola primaria e secondaria di I grado è inoltre rivolto il concorso “Puliamo Insieme!”.

Per i bambini che parteciperanno alla giornata di pulizia e che presenteranno un eleborato, scegliendo tra la sezione narrativa o quella iconografica, sono in palio 24 soggiorni gratuiti al Campeggio di Roccaverano.

“Sono delle borse di studio – ha spiegato Lanfranco –  I vincitori parteciperanno tutti insieme al Campeggio nella settimana dal 4 all’8 agosto, un’esperienza che sarà particolarmente incentrata sull’approfondimento di tematiche ambientali”.

Il concorso e i soggiorni sono resi possibili grazie al contributo di Cbra, Asp e Agesp.

Tra le collaborazioni anche quella con Gaia Spa che coerentemente con la mission aziendale, ha realizzato i 350 manifesti, personalizzandoli per ogni comune, stampandoli su carta fsc (con cellulosa proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici), con inchiostri a pigmento acquoso e con l’intero ciclo produttivo della stampa certificato Ecoprint a basso impatto ambientale.

“Quando è arrivata la richiesta della Provincia di Asti tutto il Consiglio di Amministrazione di GAIA ha espresso parere positivo – sottolinea il presidente Luigi Visconti  – convinti di contribuire alla sensibilizzazione ambientale e all’informazione sulla gestione dei rifiuti. La capacità di fare sinergia sul territorio dà all’Astigiano un valore in più e rende efficaci le azioni di tutela ambientale per la nostra economia e per le generazioni future”.

QUI per maggiori informazioni sul regolamento del concorso.

Di seguito l’elenco e il calendario dei comuni aderenti Puliamo insieme 2019