Il Roero si attiva per migliorare le brutture architettoniche

Si è svolto lunedì 25 marzo l’incontro ‘Dopo l’Unesco, agisco!’, il gioco di comunità a premi ideato dalla Regione Piemonte per coinvolgere i 101 Comuni compresi nella lista del 50/o sito della Word Heritage List Unesco e che quest’anno si allarga per coinvolgere anche Comuni fuori dall’area Unesco in una logica virtuosa di promozione del territorio e di comunità.

All’appuntamento che si è svolto al Teatro Regio di Torino erano presenti gli assessori alla Cultura e all’Agricoltura della Regione Piemonte, Antonella Parigi e Giorgio Ferrero, insieme a Gianfranco Comaschi presidente e Roberto Cerrato direttore dell’Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato. Presenti anche Luisa Piazza dell’agenzia turistica regionale Dmo Piemonte Marketing, l’allenatore sportivo Mauro Berruto e alcuni Sindaci, tra questi quelli roerini e il loro Presidente, anche Sindaco di Guarene, Franco Artusio.

A fine evento lo stesso Artusio ha affermato:«Ben vengano tutte le iniziative che possano migliorare il nostro territorio. Oltre a quella di ‘Dopo l’Unesco, agisco!’, occorre ricordare anche il Bando Distruzione della Fondazione Cassa di risparmio di Cuneo, altresì importante per dare un volto nuovo alle brutture presenti nei nostri paesi. Se si pensa al Comune di Guarene interverremo su un muraglione degli anni ’70 collocato sotto la chiesetta della S.S. Annunziata con una copertura in mattoni antichi, gesso e i calchi dei guarenesi che furono figure rilevanti negli anni 1943 e 1945 per il Comitato di liberazione nazionale».

Guarene, tuttavia, non è nuova a questi eventi di recupero. Artusio evidenzia:«In passato l’ex cabina dell’Enel dell’800 è stata trasformata in un luogo di sosta per ciclisti, con tanto di servizi igienici, trovandosi, appunto, sul sentiero dedicato alla mountain bike, l’Rtb».