Quantcast

Le Rubriche di ATNews - Asti BenEssere

Asti BenEssere: L’importanza dello sviluppo del linguaggio

Continua l’appuntamento con la rubrica quindicinale dedicata al benessere con gli interventi di professionisti del settore. Il quarto appuntamento del 2019 è curato da Giovanna Rossetti, Esperta di sviluppo del linguaggio infantile e ideatrice del programma SegnInCanto che ci parla dell’importanza dello sviluppo del linguaggio.

 

L’importanza dello sviluppo del linguaggio

di Giovanna Rossetti

Quando un bambino impara a camminare, in realtà ha acquisito tutta una serie importantissima di competenze motorie: valutare lo spazio e il movimento, allungarsi, direzionarsi, inoltre quando un bambino impara a camminare ha imparato anche a indicare, prendere, allungarsi…
Allo stesso modo, quando un bambino impara a parlare, ha acquisito una serie di competenze specifiche: il gioco comunicativo (io parlo, tu ascolti, poi rispondi), il rapporto parola oggetto, i campi semantici e la grammatica. Ma cosa più importante di tutte, ha imparato a pensare!

La rielaborazione linguistica di ciò che vogliamo comunicare passa dal pensiero. E noi pensiamo, nella nostra testa, con la nostra lingua madre. Questo significa che, come diceva lo psicologo russoVygotskij: “La parola da’ forma al pensiero”. La nostra capacità di adulti di acquisire, comprendere, rielaborare e discriminare un’informazione proveniente dall’esterno, che sia una notizia letta o ascoltata, che sia una scena alla quale abbiamo assistito, che sia un ragguaglio su un dato fatto, dipende dalla nostra intelligenza linguistica, cioè quell’intelligenza che non solo ci permette di comunicare, ma anche di interpretare il mondo, e in questi tempi di fake news, non è poco!

Lo sviluppo del linguaggio e dell’intelligenza linguistica sono per lo più concentrati nei primi anni di vita. Anche se il nostro cervello rimane plastico tutta la vita, le più importanti e consistenti finestre di apprendimento, i momenti in cui il nostro cervello apprende con velocità e semplicità, si hanno nei primi 3 anni di vita (queste diminuiscono fino a 9 anni, poi si stabilizzano). Tanto più sarà efficiente quindi, il nostro sviluppo del linguaggio, tanto più sarà spiccata la nostra intelligenza linguistica e il nostro pensiero originale. Questa capacità, ce la portiamo dietro tutta la vita e determina, come abbiamo già detto il modo in cui vediamo il mondo. Per questo motivo è così importante lo sviluppo del linguaggio.

Si dà a volte per scontato, che tutti i bambini (in condizioni neurologiche standard) prima o poi, inizino a parlare. Se ad una certa età, possiamo riscontrare un allineamento, tra bambini che hanno avuto uno spiccato sviluppo del linguaggio nei tempi fisiologici, e bambini che hanno raggiunto queste tappe successivamente, questo non significa che le loro
capacità linguistiche e cognitive si siano equivalenti.

Quando all’inizio delle primarie, gli insegnanti evidenziano una difficoltà di comprensione del testo, questa è da attribuirsi, non a quel particolare momento evolutivo, ma a ciò che è accaduto nei primi anni di vita.
Insomma, nel rispetto dei tempi e delle caratteristiche dei singoli, dobbiamo però ricordarci, che lo sviluppo del cervello (linguistico, motorio, etc..) ha delle tempistiche, delle tappe dettate dall’evoluzione, entro le quali è previsto che debbano avvenire una serie di acquisizioni, per permettere a quelle che vengono successivamente, di accadere a loro volta. Questo ci permette di crescere.
Un bambino che sa esprimersi bene, sarà portato a comunicare sempre di più in quanto saprà che è compreso, che i suoi bisogni verranno ascoltati e di conseguenza la sua fiducia in se stesso crescerà, e sarà tendenzialmente meno irruento, perché possiederà gli strumenti per esprimersi.

Pertanto è importante ricordarci di fornire gli strumenti utili ai nostri bambini anche in un percorso come quello dello sviluppo del linguaggio, che spesso si dà per scontato. Parlare correttamente ad un bambino, esplicitare il rapporto parola oggetto, usare tutti i termini del vocabolario, leggere ad alta voce, sono cose semplici, ma che ogni genitore può’ fare quotidianamente, aiutando immensamente il suo bambino in questo naturale ma delicato percorso.

Giovanna Rossetti
Esperta di sviluppo del linguaggio infantile ideatrice del programma SegnInCanto

 

La Rubrica Asti BenEssere è a cura della Cooperativa della Rava e della Fava