Quantcast

Incontro Tavolo tecnico della Mobilità Sostenibile in Provincia di Asti

Venerdì 15 febbraio 2019 si è tenuto presso la Sala Giunta della Provincia di Asti un incontro del Tavolo tecnico per la mobilità sostenibile con il Presidente Marco Gabusi della Provincia di Asti per un approfondimento sui temi della mobilità sostenibile, facendo seguito alla comunicazione della Regione Piemonte della mancata riattivazione del servizio ferroviario passeggeri da giugno 2019 lungo la linea Asti-Castagnole delle Lanze.

All’incontro hanno partecipato Marco Gabusi (Presidente della Provincia di Asti), Renato Berzano (Assessore ai trasporti e all’Ambiente di Asti), Gianluigi Arrigotti, Dino Barrera, Roberto Cerrato (Direttore dell’Associazione per il Patrimonio dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato), Giovanni Currado (Presidente del Tavolo tecnico per la Mobilità sostenibile), Vittorio Fiore (Architetto AIPIN), Giancarlo Dapavo(Legambiente Asti), Marco Devecchi (Osservatorio del paesaggio), Erildo Giacomo Massimelli(Comitato Strade Ferrate Bartolomeo Bona” di Nizza Monferrato), Gianfranco Miroglio (Parco Paleontologico astigiano), Riccardo Palma (Ordine degli Ingegneri di Asti), Aldo Pavanello (Esperto ditrasporti ferroviari), Giovanni Periale (Ordine degli Ingegneri di Asti), Angelo Porta (Legambiente Valtriversa), Marco Spriano (ASP di Asti) e Piero Vastadore.

L’incontro è stato introdotto da una riflessione del Presidente Giovanni Currado del Tavolo tecnico per la mobilità sostenibile che ha dettagliatamente illustrato la grave situazione dei trasporti pubblici nella realtà dell’Astigiano con particolare riferimento al servizio ferroviario. E’ stato ricordato come il nostro territorio risulti uno dei meglio infrastrutturati a livello europeo con riferimento alla rete ferroviaria, grazie ad un lungimirante progetto di sviluppo territoriale voluto a metà Ottocento dal Conte Camillo Benso di Cavour. Purtroppo a fronte di questo dato di eccellenza la progressiva sospensione del servizio su molte linee ferroviarie ha gravemente compromesso la mobilità pubblica in questa parte del Piemonte con particolare riferimento ai collegamenti verso Milano e verso Bologna. In questa situazione già di per sé problematica si è inserita la notizia della mancata riattivazione del servizio ferroviario tra Asti e Castagnole delle Lanze da giugno 2019, comunicata dall’Assessore Francesco Balocco ai trasporti della Regione Piemonte nell’incontro ad Asti del 31 gennaio scorso.

L’interesse e disponibilità della Provincia di Asti a portare avanti con il Tavolo tecnico un ragionamento operativo per la riattivazione del servizio ferroviario è stata giudicata con particolare favore dal Presidente Currado. Ha, quindi, preso la parola il Presidente Marco Gabusi della Provincia di Asti che ha ricordato la successione degli eventi (incontri, riunioni, ecc.) degli ultimi anni che purtroppo – nonostante le assicurazioni e protocolli operativi sottoscritti dagli amministratori del territorio con la Regione Piemonte – non ha portato ad alcun risultato concreto in termini di riattivazione del servizio passeggeri delle linee ferroviarie sospese.

Il Presidente Gabusi ha fatto presente come al momento un numero significativo di comuni dell’Astigiano non siano serviti da alcun tipo di servizio pubblico di trasporto. Partendo da questa constatazione, il Presidente Gabusi ha sottolineato come, più che puntare sulla riattivazione di un tratto di una singola linea ferroviaria, sia più opportuno realizzare un piano generale, completo e dettagliato delle esigenze di mobilità dell’Astigiano e presumibilmente anche dell’Alessandrino e – parte – del Cuneese. Solo sulla base di dati tecnici precisi e puntuali potranno essere definite concretamente le strategie più opportune di mobilità in base ai costi, alle disponibilità economiche effettive e ai benefici derivanti ai territori in questione, coinvolgendo in primis in questa analisi/verifica/valutazione l’Agenzia regionale della mobilità e la realtà di bacino astigiana e alessandrina.

E’, quindi, intervenuto Marco Devecchi (Osservatorio del paesaggio) che ha preso atto con soddisfazione dell’interesse e disponibilità della Provincia di Asti a portare avanti con il Tavolo tecnico un ragionamento operativo di potenziamento della mobilità sostenibile nella realtà astigiana. A questo riguardo ha proposto per dare piena concretezza ed operatività al ragionamento effettuato di organizzare ad Asti in data SABATO 16 MARZO 2019 un incontro generale tra tutti gli attori interessati alla tematica della mobilità sostenibile da intendersi come “Stati Generali della Mobilità dell’astigiano”.

Hanno, quindi preso la parola Dino Barrera, Giacomo Massimelli e Angelo Marinoni che hanno sottolineato l’importanza della pianificazione a livello territoriale per poter operare con concretezza e lungimiranza, facendo presente che studi sulla tematica in questione esistono e possono essere una utile base di partenza.

E’, quindi, intervenuto il Dott. Renato Berzano, Assessore ai Trasporti del Comune di Asti. Lo stesso ha rimarcato che risulta quantomeno necessario uno studio che possa evidenziare le necessità di mobilità del territorio, in modo da avere uno sguardo di insieme, che non porti a privilegiare qualcuno, ma bensì a portare benefici per tutto il territorio. La vocazione turistica delle nostre zone impone di avere un sistema di trasporti che agevoli lo spostamento e la mobilità dei turisti. Ha sottolineato, infine, che per ottenere qualcosa ai più alti livelli, il territorio deve essere unito e compatto, quindi ha invitato tutti i presenti a condividere un’unitarietà di intenti sugli obiettivi proposti.

Ulteriori interessanti riflessioni sono state portate da Aldo Pavanello e Gianluigi Arrigotti sulle linee ferroviarie per Acqui Terme e Casale Monferrato. Analogamente il Direttore Roberto Cerrato ha espresso un particolare apprezzamento per l’organizzazione del prossimo momento di riflessione sulla mobilità sostenibile, assicurando il sostegno dell’Associazione per il Patrimonio dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato.

La riunione si è conclusa con la considerazione – apprezzata e condivisa da tutti i presenti – del Presidente Giovanni Currado del Tavolo tecnico a procedere all’organizzazione degli STATI GENERALI DELLA MOBILITÀnel prossimo mese di marzo ad Asti per poter individuare le strategie migliori e più efficaci di sostenibilità dei trasporti nell’Astigiano.