Le Rubriche di ATNews - Il Cerchio Magico

Il Cerchio magico: Superare la simbiosi

Più informazioni su

Quant’è difficile non diventare la cassa di risonanza per le emozioni dei nostri figli.

Noi genitori “moderni”, attenti al vissuto dei nostri bambini almeno quanto lo siamo a ciò che mangiano, ai programmi che seguono in tv e allo sport che praticano, ci ritroviamo spesso e volentieri immersi – inconsapevolmente – nel vortice delle loro emozioni. È un processo naturale: cercando di metterci in un atteggiamento di ascolto empatico finiamo per farci avvolgere completamente e diventare noi stessi il bambino che stiamo ascoltando, sentendo ciò che sente lui/lei, facendo nostre le cose che vive, arricchite però della nostra storia, sensibilità, delle nostre acquisizioni sulla vita (e su quanto sia dura questa vita).

Viene spontaneo e, per certi versi, è anche il prolungamento di quella fase simbiotica che caratterizzava i primi mesi eppure – col passare degli anni – diventa evidentemente una distorsione che finisce per far male sia al genitore che al bambino stesso.

Sì perché se i bambini hanno infinite risorse per affrontare i loro piccoli e grandi (a volte enormi) dolori, non ne hanno certamente per affrontare l’eco che noi diamo a quei dolori, che li ingigantisce, li sottrae alla loro esperienza e li sposta su un livello diverso che sentono di non riuscire a raggiungere e gestire.

Ecco che la madre preoccupata perché il figlio non vuole fare sport a causa della timidezza entra in una spirale di ansia che già prefigura scenari tragici per quella timidezza, nonché per l’assenza di una pratica sportiva che oggi sembra un dogma, e questo renderà infinitamente più difficile per quel bambino affrontare la propria insicurezza, oltre a far soffrire (inutilmente) la mamma.

Le fatiche, le paure, le sofferenze dei bambini sono le LORO fatiche, paure e sofferenze, quelle che la vita ha riservato loro e che necessariamente devono riuscire ad affrontare, non sono le nostre e finché non impariamo a operare questo sano distacco difficilmente potremo offrire loro ciò di cui hanno bisogno, ovvero empatia e non simbiosi. E recupero della funzione di base sicura, che è ben altro che una sovrapposizione.

Lasciar crescere dentro di noi la fiducia nelle risorse dei nostri figli è importante almeno quanto lasciarli crescere fisicamente, e forse può essere utile a volte fermarsi a ricordare una persona o un episodio che, nella nostra vita, ci ha restituito quel senso di fiducia in noi stessi, quel puoi farcela che ha nutrito ogni nostro piccolo o grande passo. Che bello pensare di poter essere noi quella persona per i nostri figli, ma per esserlo dobbiamo indietreggiare emotivamente fino a vedere quella bambina e quel bambino davvero come la piccola persona forte e competente che è.

Più informazioni su