Quantcast

Il 20 gennaio si apre la XXa edizione di Burattinarte d’inverno tra Langhe e Roero

Burattinarte d’inverno ritorna dal 20 gennaio al 24 marzo proponendo, per la sua ventesima edizione, uno straordinario calendario composto da cinque spettacoli e un cameo.

La linea guida, scelta dai direttori artistici Consuelo Conterno e Claudio Giri per questa edizione, prevede un omaggio alla tradizione più antica, quella dei burattini classici, quella delle storie intramontabili che fanno parte del patrimonio internazionale di letteratura per ragazzi, giungendo fino alla consuetudine, quasi dimenticata, degli spettacoli per gli adulti, nei quali i burattini interpretano pagine della drammaturgia internazionale più nota, come quelle di William Shakespeare.

Ad aprire il calendario, domenica 20 gennaio, nella sala del Cinema Vekkio di Corneliano, sarà un’imperdibile incontro tra il teatro d’attore e il teatro di figura. Con Storia di un bambino e di un pinguino, proposto dal Teatro Telaio, gesti, oggetti, movimenti diventeranno figure che animeranno la tela di una storia senza parole, essenziale quanto eterna.

Così esultano i direttori artistici:«Per questa ventesima edizione della rassegna, abbiamo voluto rendere omaggio alla tradizione più pura del teatro di figura”, precisa Claudio Giri, “selezionando spettacoli che proponessero canovacci tradizionali per burattini, come Le avventure di Fagiolino (24 marzo, a Sinio), un classico della storica Compagnia dei Corniani di Modena, oppure l’intramontabile Pinocchio (3 febbraio, a Neive) del Teatro dell’Aggeggio, di Arezzo, uno spettacolo che viene ininterrottamente rappresentato dal 1985, con successi sempre maggiori, grazie alle sfumature, i burattini, i montaggi sempre diversi, in virtù dei quali ogni edizione appare fresca, spigliata e nuova, come fosse la prima».

Consuelo Conterno prosegue, illustrando il programma: «In calendario avremo storie tradizionali, come Michelina e la strega (17 marzo, a Novello), nella quale l’artista modenese Sara Goldoni, del Teatrino dello Sguardo, mette in scena una fiaba popolare che affonda le sue radici nell’area piemontese-valdostana, reinterpretata da Rossana Ombres.

Ci saranno anche fiabe come Biancaneve e La principessa sul pisello, riviste e ricucite insieme nelle inedite Storie da mangiare (10 febbraio, a Corneliano) proposte da Le Strologhe – continua Conterno – nelle quali frutta, verdura, farine, utensili di cucina impersonano i protagonisti delle fiabe, creando curiose e divertenti associazioni mentali».

Il cameo proposto da Burattinarte in questa ventesima edizione invernale sarà rappresentato da uno spettacolo di teatro di figura per adulti. Il 22 marzo, la sala de Il Teatrino, in via San Paolo, ad Alba, si aprirà per accogliere l’arte di Gigio Brunello. Il maestro del teatro di burattini e oggetti si farà interprete di una tradizione tanto antica quanto ormai, purtroppo, caduta in disuso, quella dei burattini utilizzati per interpretare pièce del teatro classico. Una magia che si rinnova, davvero da non perdere.

Il calendario dettagliato:

20 gennaio Corneliano d’Alba – Cinema Vekkio – via Riddone

TEATRO TELAIO (Brescia) “Storia di un bambino e di un pinguino”

3 febbraio Neive – Salone Sottochiesa Borgonuovo – via S. Giuseppe 8

TEATRO DELL’AGGEGGIO (Arezzo) “Pinocchio”

10 febbraio Corneliano d’Alba – Cinema Vekkio – via Riddone

LE STROLOGHE (Bologna) “Storie da mangiare”

17 marzo Novello – Teatro Comunale – via salita Nizza 2

IL TEATRINO DELLO SGUARDO (Modena) “Michelina e la strega”

24 marzo Sinio – Il Nostro Teatro di Sinio – via Regina Margherita 6

CENTRO TEATRALE CORNIANI (Mantova) “Le avventure di Fagiolino”

Inizio spettacoli alle ore 16.30 – Ingresso libero

Nel primo appuntamento al Cinema Vekkio di Corneliano d’Alba, domenica 20 gennaio, andrà in scena Storia di un bambino e di un pinguino:

Regia di ANGELO FACCHETTI

Scenografia di FRANCESCO LEVI e ANGELO FACCHETTI

Costumi di GIOVANNA ALLODI

Voce narrante di DAYA

Età consigliata: dai 4 ai 10 anni

C’è un bambino che un giorno trova un pinguino davanti alla porta di casa. Un pinguino che sembra davvero molto molto triste. Probabilmente si è perso, e il bambino cerca di capire da dove arriva, cosa vuole: “Perché è triste questo pinguino”? Il bambino decide di trovare il modo di riportarlo a casa, costruisce una barca e affronta con lui il lungo viaggio verso il Polo Sud, perché, come tutti sanno, i pinguini vivono al Polo Sud. Ma se non fosse quello di tornare a casa il suo primo desiderio? Una storia buffa per parlare di mondi sconosciuti che si incontrano, della difficoltà di comunicare e comprendere chi è altro da noi, la storia di un oceano da solcare per far crescere in noi affetto ed amicizia. E così diventare grandi. Come nasce un dialogo? Sono così importanti le parole? Tra mille gesti che restano incompresi e piccole gag surreali, continui fraintendimenti, alcuni enormi, altri apparentemente insignificanti, tra mille avventure e tempeste, i due arriveranno alla fine del loro viaggio. Ma un viaggio può veramente avere una fine?

Lo spettacolo ha meritato molti premi e riconoscimenti a livello internazionale, tra i quali spiccano:

• Long lake family festival, Lugano (Svizzera) – 2017

• Pupi & Pini – XXII edizione, Lignano Italia – 2016

• 22th International Children and Young Adults Theatre Festival, Hamedan (Iran) – 2015

• Festival “Una città per gioco”, Vimercate – 2015

• Mini Theatre Festival for Kids Cluj Napoca (Romania) – 2015

• Izmir International Puppet Days (Turchia) – 2015

• 10th Little Ladies Little Gentlemen International Children’s Theatre Festival – Ankara (Turchia) – 2014

• Festival internazionale “I Teatri del Mondo”, Porto S. Elpidio – 2013

• Ordu children Festival, Ordu (Turchia) – 2013

• Noril’skie sezony v Krasnoyarske, Krasnoyarske (Russia) – 2013

• VI International Festival Kon-teksty, Poznan, (Polonia) – 2013

• International Theatre Festival for Children 100, 1.000, 1.000.000 stories Bucarest (Romania) – 2012

• 17th Bursa International Theater Festival For Children and young people, Bursa (Turchia) – 2012

La rassegna Burattinarte è realizzata con il contributo di:

Fondazione CRC, Circolo Arci Cinema Vekkio, Comune di Neive, Comune di Novello, Comune di Sinio – Il Nostro Teatro di Sinio e con il patrocinio di: Comune di Alba, Regione Piemonte. Direzione artistica: Compagnia Claudio e Consuelo.

L’attività principale dell’Associazione Culturale Burattinarte è la realizzazione della Rassegna Internazionale di Teatro di Figura “Burattinarte – Summertime”, la cui prima edizione è stata effettuata ad Alba (CN) nel giugno 1994. L’Associazione organizza inoltre una rassegna invernale di Teatro di Figura, “Burattinarte d’Inverno” giunta quest’anno alla XX edizione. Da 7 anni propone anche le “Scorribande di Burattinarte – musica e teatro in strada” nell’ambito della programmazione di Vinum.