Canelli, dal 9 dicembre all’Epifania quattro “domeniche sotto l’albero”

Più informazioni su

La stagione dei brindisi è alle porte. Allora quale luogo migliore per celebrare le Feste, se non quello in cui nell’800 è nato lo spumante: Canelli, il suggestivo borgo fra le colline del Monferrato, capitale storica delle bollicine italiane.

Proprio a Canelli, quasi due secoli fa, ha preso il via la tradizione del Metodo Classico che ancora oggi viene custodita nelle Cattedrali Sotterranee, le spettacolari cantine dichiarate nel 2014 Patrimonio mondiale dell’Umanità Unesco.

L’appuntamento, dal 9 dicembre all’Epifania, è con le “domeniche sotto l’albero” promosse dal Comune di Canelli, che uniranno alla tradizione vitivinicola momenti di svago e solidarietà.

Le quattro antiche case spumantiere – Bosca, Gancia, Coppo e Contratto – apriranno ai visitatori le porte delle suggestive gallerie del vino che si sviluppano sotto l’intera città, considerate capolavori d’ingegneria e architettura enologica (visite su prenotazione).

A partire da domenica 9 dicembre, in una Piazza Cavour illuminata a festa, tornerà poi l’emozionante pista di pattinaggio su ghiaccio (il costo del biglietto è di 7 euro, con un primo giro gratuito per gli alunni delle scuole elementari e medie di Canelli).

Divertimento e sapori del territorio: la Pro Loco Antico Borgo di Villanuova offrirà tutte le domeniche, dalle ore 14,30, una speciale merenda con i prodotti tipici canellesi.

Spazio anche alla solidarietà, in particolare il 16 dicembre, con l’iniziativa “Aiuta chi aiuta” promossa dal Comitato di Canelli della Croce Rossa Italiana.

Tanti anche i momenti dedicati ai più piccoli: domenica 23 dicembre appuntamento con la renna Rudolph e Santa Claus in persona per uno speciale “selfie” nel magico villaggio di Natale con “Corri…Babbo Natale è qui!!!”, a cura dei Gruppi Colline 50 e Reverse.

Domenica 6 gennaio, invece, ad attendere adulti e bambini ci saranno tante sorprese nel sacco e la possibilità di creare la propria originale calza con “Viva la Befana”, a cura della Parrocchia Sacro Cuore e dei Gruppi Colline 50 e Reverse.

«Dopo qualche anno di assenza torna per le festività natalizie anche la pista di pattinaggio su ghiaccio e questa volta nell’area pedonale, consentendoci di valorizzare il centro storico e di non penalizzare il parcheggio – sottolinea il sindaco di Canelli, Marco Gabusi -. Accanto ai momenti di svago e in famiglia, queste feste saranno anche l’occasione per continuare a diffondere il piacere del brindisi “made in Italy” e per ricordare che nel 1865, proprio a Canelli, venne prodotto il primo spumante italiano».

Fra le tappe da non perdere anche l’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana, l’antica Distilleria Bocchino e le numerose chiese barocche del centro storico su cui svetta il castello Seicentesco, senza dimenticare la romantica “Via degli Innamorati”, il percorso inaugurato a fine settembre dedicato ai celebri personaggi dell’artista francese Reymond Peynet, che da Piazza S. Tommaso termina sulla terrazza in Costa Belvedere, regalando un suggestivo panorama in piena atmosfera natalizia.

Più informazioni su