Quantcast

Asti, A.P.R.I. sulla Navetta del centro storico: “Grazie Babbo Natale…”

E’ appena trascorso il Natale, tanti bei regali sotto l’albero…

E’ appena trascorso il Natale, tanti bei regali sotto l’albero…

A rovinare questa bella atmosfera però sono stati l’ASP e il Comune di Asti che passandosi la palla l’uno con l’altro, hanno pensato bene di sopprimere il servizio della Navetta Centro Storico a partire dal 2 Gennaio 2019.Questa bella notizia, in prossimità della Befana, suona molto come una calza piena di carbone per i cittadini Astigiani.La Navetta, da circa 10 anni, ha garantito lo spostamento dei passeggeri dalla zona Asti est alla zona Asti ovest e viceversa percorrendo il Centro Storico.

Era stata messa in funzione gratuitamente, per agevolare i cittadini e ora viene soppressa, diventata a pagamento, in quanto si reputa che non sia utile e frequentata abbastanza per mantenerla.Tale decisione ci lascia tutti “a bocca aperta” e nel contempo “indignati” per i disagi e i problemi connessi ad essa.Come disabili, sempre meno tenuti in considerazione, intendiamo manifestare il nostro dissenso per questa decisione e chiediamo al Comune e all’ASP di rivedere la questione creando un tavolo di lavoro e un dibattito pubblico per raccogliere le reali esigenze dei cittadini interessati.Le fasce più deboli vengono fortemente penalizzate al di la dei riscontri economici e del bilancio che condizionano le scelte dei trasporti in città.

Vogliamo dare voce a questa nostra opinione e chiediamo a tutti i dirigenti interessati a questa situazione di mettersi nei nostri panni, problemi logistici e non ci limitano ancora di più oltre ai nostri già esistenti problemi soggettivi.In attesa di una ragionevole soluzione, rimaniamo a completa disposizione per eventuali suggerimenti e proposte per ripristinare il trasporto della Navetta Centro Storico.Speranzosi, pazienti e fiduciosi, ringraziamo e porgiamo i nostri migliori auguri di Buon Anno.

Asti 28 Dicembre 2018

Per A.P.R.I. Onlus Asti
Renata Sorba