Quantcast

Asti Film Festival: proposte per studenti e insegnanti

Proposte per studenti e insegnanti nel programma del

L’ottava edizione di Asti Film Festival offre proposte didattiche rivolte a mondo della scuola. Alcune proiezioni sono particolarmente indicate per l’indirizzo socio sanitario, viste le tematiche trattate.

Di seguito il calendario delle proiezioni (tutti gli ingressi sono a titolo gratuito).

SALA PASTRONE – TEATRO ALFIERI

Mercoledì 12 dicembre
ore 10,00 APPENNINO di Emiliano Dante (Società – L’Italia centrale post terremoto)
ore 16,00 FIGLI DELLA LIBERTA’ di Lucio Basadonne (Il tema dell’Home Schooling)
ore 18,00 PIU’ LIBERO DI PRIMA di Adriano Sforzi (Giustizia e casi giudiziari)

Giovedì 13 dicembre
ore 10,00 7 MARZO ’91 di Alessio Mattia e Alessia Conti (La prima migrazione albanese in Italia)
ore 16,00 IL MEREGHETTI – Presentazione del dizionario del Cinema (Incontro con l’autore e gli attori Lino Guanciale e Gabriella Pession)
ore 17,30 MY WAR IS NOT OVER di Bruno Bigoni (L’importanza della memoria storica)
ore 19,00 NOMA di Andres Arce Maldonado (La creatività per affrontare la malattia)

Venerdì 14 dicembre
ore 9,00 IMMONDEZZA di Mimmo Calopresti
ore 10,30 MICHELANGELO INFINITO di Emanuele Imbucci (Progetto di Sky Cinema d’Arte)

Sabato 15 dicembre
ore 10,00 (A) SOCIAL – DIECI GIORNI SENZA LO SMARTPHONE di Lucio Laugelli (Esperimento di detox digitale)

 

Sinossi

7 MARZO ‘91

Dall’Albania si vedono le coste italiane, eppure attraversare quel tratto di mare, quella notte, fu un viaggio lunghissimo. Il 7 marzo 1991, con i primi sbarchi a Brindisi, l’Italia scoprì di essere una terra promessa per le popolazioni balcaniche e in particolare degli albanesi, provenienti da uno di quei Paesi andati in frantumi dopo la caduta del muro.
L’Italia era impreparata, l’accoglienza fu improvvisata e furono smistati sul territorio italiano. Il documentario ha coinvolto in nove interviste, chi il 7 marzo ‘91 salì su una di quelle navi brulicanti di uomini e chi si trovò a gestire l’emergenza a livello nazionale con un focus particolare sulla città di Asti. Ricostruiscono i fatti il Ministro dell’Interno di allora Vincenzo Scotti, e Margherita Boniver, che fu il primo Ministro dell’immigrazione nella
storia del nostro Paese. A maggio, ad Asti, si registrarono più di 600 arrivi. La voce del Sindaco Giorgio Galvagno e dei volontari s’intreccia con il racconto di Martino Bashaj nel ricordo del suo viaggio e nella consapevolezza di avere dato alle sue figlie una vita diversa. Da quella prima imponente ondata che diede l’impressione di una vera e propria
invasione, sono passati più di 25 anni.

 

MY WAR IS NOT OVER

Poco più che ventenne, nel 1944, il soldato semplice inglese Harry Shindler sbarcò ad Anzio e risalì
l’Italia per combattere una guerra che lo rese adulto, segnando il resto della sua esistenza. Oggi, a 95
anni, Harry vive a San Benedetto del Tronto, è vedovo di una moglie italiana e ha un figlio a Roma,
conserva una grande energia e trascorre le sue giornate di veterano facendo luce su casi e vicende
irrisolte dell’avanzata alleata in Italia.
È un “Cacciatore di Memoria” affidabile ed esperto, al suo indirizzo continuano ad arrivare appelli,
richieste di reduci o parenti che vorrebbero conoscere il destino di un soldato scomparso, trovare la
sepoltura di un combattente al fronte, rintracciare un relitto… non lo fa per denaro, ma per un debito
di memoria. La memoria, la sua natura più intima, onirica, soggettiva, quella che svanisce se non si
fissa in un segno, è il punto di partenza per raccontare la sfida di Harry e la storia di tutti noi.

 

IMMONDEZZA
Immondezza è un viaggio nel Sud dell’Italia tra bellezza e rifiuti. Dal Vesuvio all’Etna attraversando ‘di corsa’
parchi e Comuni, montagne e spiagge, pulendo quello che altri hanno sporcato. 350 chilometri di panorami
mozzafiato fanno da sfondo all’impegno del runner Roberto Cavallo contro il littering. Per un cammino –Keep
Clean and Run– all’insegna della fatica e dell’incontro con chi combatte le mafie, con chi accoglie i profughi
e con chi ama la propria terra.

 

MICHELANGELO INFINITO

La storia di Michelangelo, uno dei più grandi artisti che il mondo abbia mai visto, attraverso il ritratto dell’uomo, riservato e capace di contrasti netti e passioni forti, e delle opere lasciate ai posteri.