Quantcast

A Rosignano Monferrato la grande festa di inizio autunno con la Vendemmia in Arte fotogallery

Una grande festa d’autunno per celebrare i magici colori delle affascinanti colline del Monferrato Casalese: è quanto avverrà domenica 7 ottobre a Rosignano, con “Vendemmia in Arte”, in cui saranno protagonisti  colori e sapori, profumi ed atmosfere ed il fascino straordinario che rende quei luoghi unici.

Per l’intera giornata, la festa rappresenterà un mix tra la celebrazione dell’autunno, dei suoi sapori e colori con il vino come protagonista assoluto nel ridente Comune al centro della Core Zone 6 dei territori riconosciuti dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, così come vogliono le celebrazioni della cultura contadina, che nella Vendemmia viveva il momento più importante e festoso dell’anno.

Giunta alla XXIII Edizione, “Vendemmia in Arte” è la più importante festa in Monferrato nel tempo di Vendemmia: anche quest’anno viene proposta da Ass. Pro Loco e Comune di Rosignano Monferrato, in collaborazione con Enti, Associazioni, Gruppi che rendono sempre unico ed interessante questo evento che ad ogni edizione riserva accattivanti novità.

Tra le più interessanti del 2018, la presenza nella“piazza dedicata al cibo ed al vino”di rinomati viticoltori provenienti non solo dal territorio rosignanese, ma anche dai centri vicini che offriranno per l’intera giornata, in degustazione gratuita, i loro migliori vini doc, accompagnando le degustazioni con le ricette De.Co. locali e con i piatti della tradizione contadina del tempo di Vendemmia.

La “piazza del vino e del cibo” sarà al centro della manifestazione e da lì si svilupperanno dal mattino e fino a sera occasioni di festa e divertimento, con i gruppi musicali per tutte le età e vari momenti di divertimento e di spettacolo negli angoli suggestivi e nelle antiche piazze del centro storico. Non mancheranno rassegne d’arte e pittoriche di qualità a cura degli artigiani locali e pittori monferrini, mostre fotografiche inedite a cura dell’Ecomuseo della Pietra da Cantoni e dell’Ass Paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, oltre che l’eccezionale presenza del”Gruppo Antichi Mestieri del Museo Etnografico Gambarina” di Alessandria, che dipanerà la sua straordinaria varietà di mestieri e “quadri” contadini accompagnato dal folklore trascinante del Gruppo “I Calagiubella”.

I turisti ed i visitatori che vorranno raggiungere domenica la rocca di Rosignano, potranno usufruiore anche del bus navetta gratuito che dalle ore 11 alle ore 18 farà da collegamento tra il capoluogo e l’area parcheggio presso la vicina Cantina del Monferrato.

L’occasione di “Vendemmia in Arte” sarà propizia per la presentazione a cura del Comune della“MAPPA del Museo Contadino diffuso”: l’ultimo tassello del Progetto “Museo Contadino – Patrimonio intangibile della civiltà del vino” cofinanziato dal Comune di Rosignano Monferrato e dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, inaugurato nella primavera scorsa e che si concretizza al momento con oltre quaranta postazioni e Totem ubicati nell’intero territorio comunali e realizzati da manufatti ed attrezzi grandi e piccoli della tradizione contadina ed arricchiti da tabelle esplicate e “qr code” per i visitatori tecnologicamente più evoluti.

Ancora, essendo Rosignano al centro della core zone Unesco “Il Monferrato degli Infernot” nella giornata di festa sarà possibile visitare gratuitamente con le guide molti Infernot del Centro Storico, così come sara possibile essere accompagnati ai punti panoramici ed in particolare alla Panchina gigante “Rosso Grignolino” poco distante dal centro.

A pochi giorni dal riconoscimento della “Tartufaia della Valle Ghenza”, in mattinata, alle 10,15, con ritrovo presso l’ingresso principale della Festa, in piazza Faletti, sarà possible assistere o partecipare alla “cerca del tartufo”a cura dei Trifulau dell’Associazione Tartufai della Valle Ghenza.

E’ dei giorni scorsi, infine la notizia che “Vendemmia in Arte 2018” e’ stata selezionata per le votazioni finali del“Premio Italive 2018 – Il Territorio dal vivo”progetto patricinato da MiBAct, dal Ministero dell’Ambiente e da Coldiretti, mentre, nell’ambito del progetto“Dopo l’Unesco, IO AGISCO”sono giunti alla “squadra” di Rosignano i complimenti ed attestazioni di merito da parte della Regione Piemonte.