Quantcast

La stampa estera alla scoperta dei grandi vitigni autoctoni del Monferrato

Dal 22 al 24 ottobre il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha ospitato un gruppo di 8 giornalisti provenienti da Danimarca, Svezia, Norvegia, Finlandia, Olanda e Canada. L’intento dell’incoming è stato quello di approfondire la conoscenza dei vini tutelati dal Consorzio e raccontare alla stampa le ultime importanti novità del territorio attraverso un ricco programma di seminari, degustazioni tecniche e incontri coi produttori. Dopo un primo giorno dedicato alla Barbera d’Asti in cui i giornalisti hanno potuto constatare l’importante crescita qualitativa di questa DOCG, il Consorzio ha presentato la giovane denominazione del Nizza DOCG e la grande varietà di uve autoctone che arricchiscono il territorio del Monferrato. Ruchè, Freisa, Grignolino, Albarossa, Cortese e rarità come l’Uvalino hanno affascinato la stampa che ha mostrato grande curiosità per la riscoperta di questi vitigni.

“Siamo molto felici di aver potuto ospitare sul nostro territorio i referenti delle principali testate di settore di mercati fondamentali come il Nord Europa, dotato di un grande potenziale di espansione, e il Canada sempre più rilevante per i nostri vini. Sono infatti momenti d’incontro importantissimi per promuovere la produzione vinicola del Monferrato e la grande ricchezza di vitigni autoctoni che ci rende unici nel mondo – dichiara Filippo Mobrici Presidente del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato – Sono stati tre giorni di scambio reciproco in cui i produttori hanno avuto un ruolo fondamentale nel racconto del territorio e dei suoi vini. Ovviamente consci che ancora molto può e deve essere fatto per un territorio di grande potenziale e valore come quello del Monferrato, confidiamo che queste attività di incoming possano essere un punto di partenza per poter presentare sempre meglio quest’area e la sua lunga tradizione vitivinicola.”