Al via la diciassettesima edizione di “Paesaggi e oltre” nelle terre Patrimonio dell’Umanità

Inizia il prossimo fine settimana la diciassettesima edizione del festival “Paesaggi e oltre”.

L’iniziativa, promossa dalla Comunità Collinare con il contributo di Regione Piemonte, Fondazione CRAsti e Fondazione CRT, è organizzata dal Teatro degli Acerbi e verrà realizzata dal 14 luglio al 25 agosto.

Dieci gli appuntamenti nel territorio dei Comuni di Castagnole Lanze, Coazzolo, Costigliole d’Asti e Montegrosso d’Asti per un teatro fuori dai teatri: prove d’artista, teatro popolare e narrazione, musica nel e per il paesaggio legate quest’anno dal tema del viaggio, nelle sue declinazioni.

Per l’apertura del festival ci sarà un doppio appuntamento.

Sabato 14 luglio, sul piazzale del Santuario di frazione di Loreto di Costigliole d’Asti, è in programma il grande concerto “Lo chiamavano jazz. Da Carosone a Paolo Conte” con Patrick Mittiga & The Swing Crew.
Un omaggio musicale alle stelle ed alle vallate, sul piazzale del Santuario alla sommità della frazione, a fianco dell’aereo militare del sacrario regionale dell’arma aeronautica. L’apertura emozionale del festival nel paesaggio di colline, scorci, vigne e boschi.

Uno spettacolo musicale in pieno stile nu jazz. I protagonisti portano ai giorni nostri la grandezza e lo splendore di un’epoca indimenticabile. Patrick e i “suoi” (la Swing Crew Band) vanno oltre la musica traghettando il pubblico in un moderno varietà che si sviluppa tra sketch, racconti e performances ad effetto. Blues, Swing, Soul, Pop e Latin in un viaggio che include musiche di grandi artisti come Dean Martin, Sammy Davis Jr., Frank Sinatra, ma anche Modugno, Morandi, Ranieri e molti altri artisti italiani.
L’ingresso è gratuito. Info: 339/2532921.

Domenica 15 luglio alle 18, nella ormai tradizionale e attesa passeggiata nei sentieri di Coazzolo, gli attori Emanuele Arrigazzi, Patrizia Camatel e Fabio Martinello saranno in scena con l’inedita creazione “Viaggio al termine dell’incanto”.
Si tratta di una passeggiata teatrale di circa 7 km sul sentiero naturalistico della Madonna del Carmine, con arrivo alla Chiesetta del Moscato recentemente dipinta dall’artista britannico David Tremlett.
Nella suggestiva e unica cornice naturalistica del sentiero della Madonna del Carmine, a tappe nel bosco lungo la passeggiata, un viaggio teatrale e performativo in cui la magia e la fiaba sono il tema dominante. E’ il viaggio della trasformazione, la metamorfosi, un percorso itinerante dove ogni tappa è un piccolo viaggio a sé anche per gli spettatori che vedranno man mano stimolati tutti i loro sensi. Una passeggiata, in cui guidati da un personaggio femminile alla ricerca di sé, si incontra l’incanto del bosco, ove perdendosi ci si ritrova…
Uno spettacolo itinerante ispirato al racconto ancestrale e inaspettato capace di colpire prima di ogni cosa i sensi e la nostra parte più nascosta.
Il bene, il male, il bisogno, la sfortuna, la magia: le storie fantastiche sono una metafora dell’esperienza umana, le stazioni sceniche come tappe di un viaggio avranno un proprio linguaggio legato ad una drammaturgia multisensoriale e fatta non solo di parole ma di suggestioni visive, olfattive, tattili, di gusto come dentro la tana del bianconiglio in un mondo straordinario fortemente legato al luogo in cui ci troviamo immersi come spettatori curiosi e attivi.
Una fiaba itinerante contemporanea ma magica e incantata, per toccare sia i grandi che i piccoli, attraverso il racconto, la musica, gli odori, i sapori e il tatto e l’odorato, in una passeggiata che sarà resa magica anche dall’incanto del luogo e della natura.
Un percorso pieno d’indizi come in una caccia al tesoro, tra filastrocche, monologhi, dialoghi, trasformazione e rinascita.
E poi, dopo aver attraversato il bosco, si sale lungo i vigneti verso la Chiesetta del Moscato dipinta dall’artista britannico David Tremlett, soffermandosi a guardare il tramonto.
La partecipazione alla passeggiata teatrale è gratuita, con possibilità di cena alla Madonna del Carmine al termine della passeggiata (a pagamento).
Ritrovo in Piazza Vittorio Emanuele III alle 17,30. Consigliato abbigliamento comodo e scarpe da camminata.
Info: cell. 380/3120182.

Il programma completo della manifestazione QUI.

Gli spettatori che percorreranno le varie tappe del viaggio nel festival potranno avere il “passaporto paesaggieoltre” in cui collezionare un timbro di “visto” per ogni evento ed inoltre potranno “raccontarlo” sui social: QUI la pagina Facebook.