Nel fine settimana a Fontanile “Il Valore e la Memoria”, la commemorazione dei caduti nel centenario della Grande Guerra

Più informazioni su

Sabato 16 e domenica 17 giugno il Comune di Fontanile commemora il Maggiore Francesco Mignone, Medaglia d’Oro al Valor Militare ed i Caduti di tutte le guerre.

Il 17 giugno è il giorno in cui, 100 anni prima, morì da eroe il Maggiore Mignone. Nel centenario della “Grande guerra” il Comune di Fontanile dedica due giornate alla commemorazione di quanti, partendo dalle sue colline, diedero un tributo di dovere e di sangue all’atto conclusivo dell’unificazione italiana.

Le date scelte per ricordare in maniera solenne questo sacrificio sono quelle di sabato 16 e domenica 17 giugno 2018, strettamente connesse ad una figura di soldato intimamente legata alla terra ed alla gente di Fontanile: quella del Maggiore Francesco Mignone, caduto sul Piave e decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria.

Nella mattinata di sabato 16 giugno alle cerimonie commemorative interverrà il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, al quale verrà conferita la cittadinanza onoraria di Fontanile. Verranno dallo stesso Capo di Stato Maggiore della Difesa conferiti attestati di merito alle classi prima, seconda e terza media della Scuola Secondaria di I grado di Mombaruzzo per gli elaborati dalle stesse preparati.

Nel pomeriggio si terrà il convegno intitolato, in riferimento ad un popolare verso della celebre Canzone del Piave: “Non passa lo straniero”, durante il quale verranno ripercorse le tappe salienti dei mesi che, dopo il rovescio di Caporetto, decisero in maniera vittoriosa per l’Italia le sorti del conflitto.

In serata verrà proiettato “Fango e Gloria”, opera del regista Leonardo Tiberi che, con un’efficace tecnica di amalgama, unisce personaggi narranti e filmati storici in un “docufilm”di emozionante interesse. Il convegno sarà preceduto dalla presentazione del volume “Un eroe del Piave”, scritto da Lorenzo Mazzonetto che ha voluto dedicare questo suo lavoro alla vicenda militare ed umana del M.O.V.M. Maggiore Francesco Mignone.

Profondamente legato a Fontanile, dove sin dalla prima infanzia era solito trascorrere lunghi periodi di vacanza, Francesco Mignone è una figura di uomo ed Ufficiale permeata dai più profondi valori civici, militari e sociali, uniti ad una sensibilità umana dimostrata anche negli affettuosi rapporti con gli amici di Fontanile.

Il Maggiore Mignone il 17 giugno 1918 venne mortalmente colpito al cuore durante un ennesimo combattimento all’ansa di Lampol, sul Piave, dove da tre giorni comandava la resistenza delle truppe italiane attestate a Villa Marini per impedire agli austroungarici di dilagare oltre il fiume che erano riusciti ad attraversare in alcuni punti. La disperata tenuta dei 300 fanti rimasti della falcidiata “Brigata Avellino” guidati ed animati da Francesco Mignone, contribuì in modo determinante a permettere la saldatura delle linee italiane, impedendo così al nemico di avanzare su Venezia.

La vicenda si svolse nei pressi di Fossalta di Piave, durante quella che più
tardi Gabriele D’Annunzio battezzò “La Battaglia del Solstizio” e nel corso della quale cadde, a pochi chilometri di distanza, anche Francesco Baracca, eroe per molti tratti simile a Mignone per sereno coraggio e sentimenti d’umanità. Meno di un mese più tardi, sempre vicino a Fossalta, venne ferito il futuro premio Nobel Ernest Hemingway, che proprio in conseguenza di questa esperienza sulla riva del Piave, concepisce due tra i suoi più famosi romanzi: “Addio alle armi” e “Di là dal fiume e tra gli alberi”.

Al convegno, moderato dal giornalista Vanni Cornero, parteciperanno in veste di relatori il Professor Aldo Alessandro Mola, uno dei più famosi storici italiani contemporanei; il Generale Luigi Cinaglia, con al suo attivo numerosi importanti incarichi in ambito militare e diplomatico e attuale Presidente Associazione no profit Italian Military Tattoo; il Colonnello
Antonio Gelao, con un brillante curriculum di impiego operativo e docenza alla Scuola d’Applicazione dell’Esercito.

Molti e autorevoli i Patrocini istituzionali alla manifestazione di Fontanile, come quelli della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero della Difesa, per citare i più prestigiosi. Serrato il programma che per le due giornate vede alternarsi cerimonie ufficiali e momenti di intrattenimento.

Tra i protagonisti di entrambe la Fanfara della Brigata Alpina Taurinense e la Fanfara dei Bersaglieri “R. Lavezzeri” di Asti. Per i momenti conviviali, A.N.A di Acqui Terme e di Asti.

 

Più informazioni su