Calamandrana, l’Arte in cantina Chiarlo “Superheroes in Vigna & Recyc-Light”

L’arte di riciclare e riutilizzare le etichette del vino per creare collage che rappresentano i supereroi.
Questa trovata è un’idea originale di Paolo Baldassarre, artista e cantiniere nel cuore del Monferrato che ha esposto le sue opere per la prima volta nella cantina Chiarlo di Calamandrana, spazio ormai conosciuto per i suoi eventi dedicati ai creativi.
Le sue opere, una ventina in esposizione, rappresentano una ricerca di colori e materiali per mettere in risalto i soggetti, da Hulk a Wonderwoman, da Batman e Flash Gordon, tutti realizzati con micro ritagli di etichette di Barolo, Arneis, Moscato, Albarossa che vanno a vestire le bottiglie prodotte in azienda.

“Ho parlato della mia idea con Alberto Chiarlo, anche lui appassionato di fumetti e supereroi- spiega l’artista – ed è rimasto subito colpito, tanto da offrirmi la possibilità di esporre in questo spazio”.
Si sa che Arte e vino costituiscano un binomio ormai consolidato. C’è chi però ha creato una formula del tutto nuova per avvicinare gli eno appassionati alle posizioni e alle bellezza di un territorio come il Monferrato, consacrando cultura , natura e ottimi prodotti.

È il caso, infatti, dell’ azienda vinicola Chiarlo di Calamandrana, conosciuta nel mondo da più di mezzo secolo per le sue bottiglie di barolo, barbera, moscato, nizza…vestite di etichette realizzate dall’artista Giancarlo Ferraris.
La mostra Superheroes in Vigna & Recyc-Light” rientra nel un percorso espositivo battezzato “Arte in cantina- i magnifici 9 artisti del Parco Orme su La Court” con la direzione artistica di Gian Carlo Ferraris.
L’intento dell’iniziativa è quello di richiamare ad esporre i migliori esponenti dell’arte contemporanea già protagonisti dei suggestivi allestimenti al Parco Orme su La Court di Castelnuovo calce a, spazio della ditta Chiarlo dedicato (Lele Luzzati, Gian Carlo Ferraris, Ugo Nespolo, Marcello Mannuzza, Fabio Cavanno 1613, Mark Cooper, Guido Perina, Peppino Campanella).

Dopo l’efficace intervento di ristrutturazione delle cantine Chiarlo, del giardino verticale, del wine shop e della barricaia espositiva di cui si è occupata architetto Simona De Paoli Chiarlo in sinergia con designer Mariano Mulazzani e Verde Profilo, sono stati richiamati ad esporre, dopo 15 anni, gli artisti di La Court con esposizioni dai 3 ai 6 mesi di permanenza negli spazi della cantina a Calamandrana con possibilità di visita e su prenotazioni di degustazione vini classici del Piemonte.
A loro si è aggiunto Paolo, che dal materiale del lavoro in cantina ha tratto ispirazione per creare prima una selezione di lampade in banda Stagnata ( o latta ).

“ Era il 2007 quando ho cominciato a lavorare con le lampade” ci spiega mostrando lampadari e piantane che ricordano le illuminazioni degli anni 70” poi ho scoperto la tecnica del collage prima utilizzando fogli di giornali dedicati al motociclismo, l altra mia passione. Ma poi mi sono accorto che in cantina avevo una grande abbondanza di etichette inutilizzate firmate da Gianfranco Ferraris, molto grafiche e particolare e ho deciso di riutilizzarle”.
Il riuso di materiali di scarto è il film Rouge delle sue creazioni. In mostra ci sono anche nuovi pezzi con ingranaggi da bicicletta che supportano illuminazioni a soffitto e ferro delle vecchie barrique che, adattate intorno alla luce creando effetti vintage ma anche futuristici.
“il mio sogno si è in parte realizzato- conclude Baldassarre- ora vorrei incrementare la mia produzione trovando sempre nuovi soggetti, come ho già cominciato a fare con i teschi messicani”.
La mostra “Superheroes in Vigna & Recyc-Light” di Paolo Baldassarre è visitabile su prenotazione e comprende l’ingresso con possibilità di degustazione tutti i giorni, compresi i festivi, dalle 9 alle 12, dalle 14 alle 18.