Quantcast

Asti, la compagnia teatrale dei Martinrock torna in scena in una serata benefica

Sabato 19 maggio sarà nuovamente al teatro Alfieri per una serata benefica, i cui proventi saranno divisi in parti uguali tra la GSH Pegaso di Asti (che si occupa di attività sportive per ragazzi diversamente abili) e la conclusione dei restauri della chiesa di San Rocco.

L’evento proposto dall’organizzazione di volontariato “storici, artisti e presepisti astesi” è stato patrocinato e fortemente voluto anche dai Lions Club Asti Host e Costigliole d’Asti e dal Panathlon Club di Asti.

La compagnia teatrale de “I Martinrock”, costituita nel 2013, deve il suo nome ad una realtà teatrale preesistente negli anni ’70 e ’80 nel quartiere San Martino San Rocco, che si è decisa di far tornare in vita grazie all’entusiasmo di amici e abitanti del quartiere.

La compagine ha già portato in scena tre spettacoli e due eventi benefici ed ora, sabato 19 maggio alle 21, al Teatro Alfieri, sotto la regia di Maria Sabini, porterà in scena la commedia napoletana in due atti “E’asciuto pazzo ‘o parrucchiano” – “E’ impazzito il parroco” di Gaetano di Maio, per aggiungere un altro tassello alle numerose attività benefiche finora portate avanti!

La vicenda si svolge a Pietrascura, piccolo paese contadino, dove credenze popolari, superstizioni e religione la fanno da padrone. Tutto si svolge nella casa del parroco, della sua indomabile e combattiva perpetua Donna Rosa e della eternamente affamata ed inguaribilmente pasticciona “aiuto perpetua” Modestina. Il parroco, Don Sandro, fa di tutto per mantenere viva la fede dei suoi concittadini, anche se questo significa, un po’ troppo spesso, sostituirsi alla Divina Provvidenza… inventando qualche piccolo miracolo! Naturalmente il paese non manca di nutrire qualche diffidenza e i notabili del posto – l’avvocato, il sindaco, l’assessore e la sua consorte, la Baronessa – sono decisi a vederci chiaro,e per questo, minacciano addirittura un’inchiesta presso il Vescovo. Il filo della storia, intanto, si lega ai “drammi” proprio della baronessa e della sua famiglia: la sorella Matilde, ha perso la voce per via di un incidente ed il figlio Andrea, promesso sposo dalla madre ad una ineccepibile e virtuosa nobile del luogo, è in realtà innamorato di una semplice maestrina, e con lei ha dato alla luce un bambino illegittimo.

Voti, promesse, sotterfugi, smentite e imbrogli porteranno…. alla pazzia? La colorata compagnia teatrale insomma, promette al suo pubblico una serata ricca di risate, passione e anche qualche momento di riflessione.

Conferme e novità all’interno della squadra dei Martinrock, composta principalmente da amanti del palcoscenico, che credono fermamente nella diffusione della sana cultura e nell’importanza di aiutare il prossimo divertendosi.

In occasione di questa nuova avventura è stato creato e presentato agli affezionati della compagnia, il logo ufficiale: un grande sipario che va a formare l’iniziale del nome Martinrock ed un piccolo cuore tra le lettere, segno della volontà dei suoi componenti di confermare ogni giorno la propria vocazione ad aiutare il prossimo.

Sul palcoscenico saliranno Davide Piconese, Maria Sabini, Mauro Imbrenda, Mariateresa Citino, Maria Grazia Billi, Carlo Fantino, Piera Pianta, Concetta Galfo, Massimo Gennari, Paolo Artusio Icardi, Sara Zito, Carlo Merlo, Paola Zanchetta e Giorgio Zappa.

I biglietti si potranno acquistare tutti i giorni presso “I presepi di San Martino” in piazza Statuto 21 e presso “La fabbrica dell’oro” in via Carlo Lessona 8. Ovviamente la sera dello spettacolo al Teatro Alfieri.

Per informazioni: Mauro Imbrenda al 3803051910.