Quantcast

Confartigianato Asti: Roberto Dellavalle eletto alla Presidenza

Ieri sera il Consiglio Direttivo recentemente eletto della Confartigianato Asti, si è riunito per completare le procedure elettive del XVI° Congresso Provinciale.I lavori assembleari sono stati presieduti dal Consigliere anziano Vittorio Amato, che ha prima di tutto ancora ringraziato per la grande e fattiva partecipazione alle fasi Congressuali che hanno quindi permesso di comporre un variegato e altamente qualificato sistema di rappresentanza.Si è quindi dato seguito alle procedure previste per l’elezione della nuova Presidenza Provinciale, delle due Vice Presidenze e della Giunta Esecutiva, che hanno determinato a larghissima maggioranza i seguenti risultati:

Presidenza  Roberto Dellavalle  distillazione in Vigliano d’AstiVice Presidente Amministrativo Bruno Pavese metalmeccanica in AstiVice Presidente Organizzativo Luigi Paolo Dezzani edilizia/lavorazione Pietre Cunico

Giunta Esecutiva Amato Vittorio autoriparazione/macchine agricole  AstiCarlo Benotti meccanica/ elettronica AstiMario Bosso edilizia AstiGian Luca Musso Servizi e Terziario Mombercelli.

E’ stato quindi chiamato a presiedere la riunione del Consiglio Direttivo il nuovo Presidente  Roberto Dellavalle, il quale oltre ai ringraziamenti per l’ampio consenso ricevuto sia personalmente sia per la le persone da lui indicate per condividere questo nuovo corso della Confartigianato Asti per i prossimi quattro anni,  ha brevemente illustrato  le linee guida del suo programma e le idee che desidera condividere non solo con la Giunta, ma soprattutto con il Consiglio Direttivo.Nel suo programma risulta centrale ha dichiarato infine il – Presidente Dellavalle- una forte sinergia con le altre Associazioni, Enti ed Istituzioni del territorio, per valorizzare e favorire sempre più legami forti e strategici tra i settori produttivi strettamente legati alla manifattura quali il nostro, quello industriale quello agricolo e nonché come conseguente ricaduta quello dei servizi, sono più che mai convinto, che solo un lavoro di squadra possa determinare tangibilmente lo sviluppo di un territorio e una diffusa ricchezza e benessere.