Quantcast

Da aprile viaggiare sulla linea FS Asti-Acqui sarà più difficile: treni solo fino a Nizza, poi bus

Dal 1 aprile fino al 7 ottobre a causa di lavori di manutenzione alla galleria di Alice Bel Colle, la linea ferroviaria Asti -Acqui sarà interrotta a Nizza Monferrato.

Per poter raggiungere la città termale si potrà utilizzare il bus sostitutivo che sarà messo a disposizione da Nizza. Il tempo di percorrenza si dilaterà di circa 10-15 minuti. Il costo del biglietto rimane invariato (4,60 euro).

Nelle ultime settimane le modalità di sostituzione con bus sono state al centro della discussione.

L’AFP (Associazione delle Ferrovie Piemontesi) aveva proposto all’Agenzia della Mobilità Piemontese la sostituzione con bus solo da Mombaruzzo (l’ultima fermata prima di quella di Alice Bel Colle) ad Acqui, lasciando invariati gli orari attuali.

La proposta è stata solo parzialmente accettata: il treno sarà fatto arrestare prima, a Nizza, e da qui i pendolari utilizzeranno il bus fino ad Acqui.

“Si tratta di una sostituzione  deleteria per una linea che ha visto aumentare la frequentazione sui treni del 30% da quando è stato attivato l’orario cadenzato ogni ora” – affermano dall’AFP – Quello che risulta incomprensibile è che il servizio attivato fino a Nizza potrebbe, con l’utilizzo dello stesso materiale e personale, arrivare tranquillamente a Mombaruzzo sostituendo il treno per la tratta più corta Acqui-Mombaruzzo anziché per la tratta Acqui Nizza”.

La tratta automobilistica Acqui-Nizza è, inoltre, più è lenta e lunga rispetto alla Acqui-Mombaruzzo.

“Un altro paradosso è che arrestare i treni a Nizza o a Mombaruzzo non cambierebbe nulla in merito ai costi di materiale e personale. L’orario fino a Nizza comporterebbe l’utilizzo di 2 materiali con sosta di quasi mezz’ora a Nizza. Se si proseguisse fino a Mombaruzzo si utilizzerebbero gli stessi materiali ma si avrebbe una sosta minore” concludono dall’AFP.