Quantcast

Nizza Docg, a maggio eventi e degustazioni per far scoprire la storia del suo vino.

Dall’arte al vino, dal teatro alle cantine, dalle degustazioni alle lettura... Sono tante, tutte diverse e tutte molto interessanti le iniziative che coinvolgono il Nizza Docg in questo mese di maggio.

Il territorio, come sempre, si apre agli appassionati organizzando momenti di incontro, degustazioni o semplice relax sulla colline Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Ma, allo stesso tempo, è anche il Nizza stesso che raggiunge alcuni luoghi e alcuni eventi particolarmente significativi, per farsi conoscere sempre di più e permettere a tutti di scoprire la sua storia e il suo fascino di grande vino, figlio di una storica tradizione, ma capace di strizzare l’occhio ai più giovani.

Regione Piemonte Il Nizza docg al 30° Salone Internazionale del Libro di Torino

Sempre in maggio, di assoluto prestigio è l’iniziativa che porterà il Nizza Docg al Salone Internazionale del Libro di Torino, in programma da giovedì 18 a lunedì 22 maggio. Grazie alla collaborazione con la Regione Piemonte, impegnatasi per celebrare al meglio la trentesima edizione del più importante salone italiano dedicato ai libri e all’editoria, e con il fondamentale aiuto dell’Assessore Agricoltura, Turismo, Sviluppo economico Andrea Cerrato, le sale Arancio e Argento del Lingotto saranno a disposizione degli operatori culturali e locali del territorio per una serie di incontri e iniziative dedicati alla storia e alla cultura del Piemonte.
Tra gli eventi organizzati dell’ente regionale, lunedi 22 maggio ci sarà la presentazione degli itinerari di promozione e valorizzazione culturale e turistica che stanno crescendo numerosi sulle colline Patrimonio dell’Umanità di Langhe – Roero e Monferrato. Chiamato in Arena all’incontro il Presidente Dell’Associazione del Nizza Gianni Bertolino :
“Sempre di più, infatti, i turisti che scelgono di andare in Monferrato, vogliono vivere in prima persona i vigneti storici del territorio, camminare tra i filari, ascoltare i racconti dei produttori che da generazioni lavorano queste colline. Solo l’unione di tutte le forze del territorio, sostenute da una secolare cultura del lavoro e dell’accoglienza, possono dare a questo “brand territoriale” la forza per proteggere i propri tesori, valorizzarli e, soprattutto, farli conoscere al mondo,oltre il confine! “

Vino e Arte allo Spazio KOR
Già avevamo avuto modo di segnalare la prestigiosa collaborazione stretta tra il Nizza e lo Spazio Kor, chiesa sconsacrata del centro di Asti, trasformata in spazio teatrale e di sperimentazione. Dopo la storica decisione del teatro di dedicare, per la prima volta, una parte del foyer ai produttori del Nizza quale vino simbolo del Monferrato, rinforzando il messaggio di un comune ideale di valorizzazione del territorio e ribadendo la volontà di puntare con ancora maggior forza sul connubio tra arte e vino, è iniziata, ora, l’effettiva preparazione dello spazio.
Grazie al lavoro dei responsabili creativi Aldo Buzio e Massimo Barbero, insieme allo scenografo Francesco Fassone, sta prendendo forma un allestimento che mira ad avere una bellezza estetica di assoluto impatto e, nello stesso tempo, una marcata funzionalità, che invogli gli spettatori delle serate del ricco cartellone della stagione teatrale a dedicare un po’ di tempo all’assaggio dei vini, alla conoscenza della storia e delle caratteristiche del Nizza Docg, oltre che alla degustazione di alcuni prodotti locali di pregio.
Il progetto è stato studiato con lo stesso Spazio Kor e l’Assessore Regionale all’Agricoltura Giorgio Ferrero, è stato curato dall’Associazione Craft (Centro Ricerca Arte Formazione Teatro) e l’Associazione Produttori del Nizza, con il Comune di Asti, il Teatro degli Acerbi, e con il supporto della Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando di valorizzazione dei Beni Culturali.

Nizza è Barbera
Più prettamente “vinicolo” è stato, invece, invece l’appuntamento del 12 e 13 maggio, giorni nei quali si è tenuta la nuova edizione della fortunata iniziativa che, tra incontri e degustazioni, ha promosso l’incontro di tutti gli appassionati con i produttori della Barbera d’Asti Docg e del Nizza Docg.
La kermesse è stata organizzata dal Comune di Nizza Monferrato e l’Enoteca Regionale di Nizza, in collaborazione con il Consorzio della Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, l’Associazione Produttori del Nizza e Astesana Strada del Vino. Con, inoltre, il patrocinio della Regione Piemonte, Provincia di Asti e Camera di Commercio di Asti.
Tanti sono stati gli eventi “presi d’assalto” da una grande quantità di appassionati, segno del grande successo di una manifestazione che cresce anno dopo anno; a cominciare dal Barbera Forum, che ha salutato la presenza di oltre cinquanta produttori, per arrivare alle prestigiose degustazioni sia di Nizza Docg, sia dei cru del Rodano, grandi e graditissimi ospiti di questa edizione di “Nizza è Barbera”.
Per tutta la durata della manifestazione, nella piazza del Campanon di Nizza Monferrato è stato attivo il Wine BARbera gestito dall’Associazione Italiana Sommelier e, sabato sera, c’è stato spazio per una notte di musica alla luce dei negozi, rimasti aperti per l’occasione. Gran finale, da ultimo, con Barbera & Alta Langa, in collaborazione con il Consorzio della Barbera dell’Asti e dei Vini del Monferrato e il Consorzio dell’Alta Langa.

Degustazione di prestigio
Infine, a nobilitare ancora di più un mese impegnativo ma entusiasmante, rimane da segnalare la degustazione alla cieca dei vini Nizza Docg richiesta dalla prestigiosa Guida dell’Espresso.
Ad assaggiare le migliori bottiglie dei produttori dell’Associazione del Nizza sarà la referente per il Piemonte della Guida Erika Mantovan, che procederà alla degustazione, in totale autonomia, nella giornata di venerdì 19 maggio, presso l’Enoteca Regionale di Nizza Monferrato.